Libri: recensioni & interviste

NON STA AL PORCO DIRE CHE L’OVILE E` SPORCO

pagine 184 – collana B-POLAR
Traduzione di Claudia Ortenzi
15,00 euro

“Non sta al porco dire che l’ovile è sporco” è un romanzo, il cui titolo è un proverbio. E infatti i ventiquattro capitoli di questa coinvolgente storia, ambientata in Africa, si aprono con un modo di dire della tradizione locale. L’autore è Florent Couao – Zotti, scrittore, fumettista e sceneggiatore, nato nel 1964 nella Repubblica del Benin.

Siamo a Cotonou. A caccia dell’assassino di una squillo d’alto bordo e di una valigetta piena di polvere d’angelo ci sono, per scopi diversi, il commissario Santos e l’ispettore Kakanakou; Smaïn detto l’Arabo, un faccendiere arricchitosi chissà come; l’agente di sicurezza Sdk e due femme fatale puttane di professione. La forza di questo romanzo esilarante e pulp sta nello slittamento continuo della storia, che si dipana nel recinto di una Cotonou irrazionale, cortile di un’Africa contemporanea stanca di inghiottire gli scarti dell’Occidente.

 

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Carla Cesinali

Carla Cesinali su Cultura & Culture si occupa di politica, di spettacoli, di arte.

Commenta