Libri: recensioni & interviste

MIGLIORIFICI, FIGURA E SCRITTURA IN JOAN MIRÓ

Giovedì 18 ottobre, alle ore 16.30 nella Sala del Mito della Galleria nazionale d’arte moderna di Roma sarà presentato il volume di Tiziana Migliore Miroglifici. Figura e scrittura in Joan Mirò edito nel 2011 da et al./EDIZIONI. Nel 1949, Raymond Queneau osservava che nella produzione di Joan Miró ricorrevano configurazioni e tratti costanti. Coniò allora il termine miroglifico e definì il Miró «una lingua che bisogna imparare a leggere e di cui è possibile fabbricare un dizionario».

Il saggio di Tiziana Migliore prende le mosse da questa intuizione per analizzare schizzi, dipinti e disegni preparatori dell’artista, da cui emerge la possibilità di ricostruire un vero e proprio idioma visivo, dotato di una grammatica, una sintassi e un dizionario di figure. Miró ha inventato un nuovo linguaggio di segni, un modello di comunicazione tra immagine e parola. Il libro è corredato da un CD-Rom che permette la visione di oltre 300 opere di Miró, molte delle quali pubblicate per la prima volta, organizzate secondo criteri tematici e cronologici. Miroglifici è un esperimento di pensiero sulla costruzione dell’opera d’arte e l’emergenza di modelli di discorso e scrittura nell’arte contemporanea.

Per completare un pomeriggio pensato come momento di riflessione sulla progettualità dell’opera d’arte contemporanea alla presentazione del libro della Migliore seguirà una tavola rotonda sul tema Disegno e pittura nell’arte contemporanea. Il divenire della materia che prenderà spunto dal libro di James Elkin La pittura cos’è. Un linguaggio alchemico, edito da Mimesis 2012. Questo libro racconta i modi di preparazione della pittura. Descrive i processi che gli artisti compiono, nei loro studi, per trasmutare istanze e significati di materie elementari, acqua, terra, aria e fuoco. È la cucina della pittura. James Elkins, professore e pittore, esamina quadri di Leonardo, Tiziano, Tintoretto, Rembrandt, Monet, Dubuffet, Francis Bacon, Lucien Freud. Ne rileva gli ingredienti, le dosi, gli utensili, ma anche la gestualità e gli umori. Ricette difficili da tramandare, come in ogni cucina che si rispetti, che qui hanno una chiave di volta nel confronto con l’alchimia, cultura dei comportamenti e delle trasformazioni della materia. Elkins va incontro agli storici dell’arte, che si sentono a disagio con gli “impasti” dell’opera, ma vorrebbero capirci di più.

Reinterpreta la filosofia dell’immaginazione. E soprattutto dota i semiologi di nuovi strumenti d’analisi, in grado di esplicitare i programmi narrativi della pittura: operazioni concatenate – macerare, miscelare, separare, distillare… – e transizioni di fase – congelazione, sublimazione, precipitazione, putrefazione. Ecco un libro per pensare la pittura dall’interno, prima che diventi historia e per l’incidenza che ha su di essa. C’è una scienza del concreto che finora non ha avuto il giusto credito.

Il nostro voto
Vota anche tu il film (se lo hai visto)
[Total: 0 Average: 0]
close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Commenta