culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Libri: recensioni & interviste

Le grandi donne del Cinema: il libro di Marta Perego

Da Audrey Hepburn a Sophie Marceau, la giornalista Marta Perego nel suo libro “Le grandi donne del Cinema” (DeAPlanetaLibri) compie e ci fa compiere un viaggio nella vita di personalità femminili molto diverse tra loro eppure accomunate da un’unica caratteristica: il coraggio di essere sempre loro stesse.

In questo libro conosciamo ansie, insicurezze, paure ma anche momenti gioia di trenta donne coraggiose, volitive, capaci di mettersi in discussione e di allontanarsi dalle scene quando necessario. Come fece Greta Garbo, la Divina, che in seguito alla cocente delusione di Non tradirmi con me, decise di lasciare per sempre il Cinema.

E poi ci sono coloro che non si piangono addosso e si rimboccano le maniche. Tra queste figura una straordinaria Bette Davis, i cui esordi nel mondo della recitazione non furono subito incoraggianti. Ci volle un po’ di tempo. Le servì molta tenacia, tanto che negli anni Quaranta Bette divenne l’attrice più pagata di Hollywood. A dispetto di chi l’aveva paragonata, per fascino, a Stanlio e Ollio messi insieme.

Le grandi donne del cinema

Questo libro, tuttavia, non è solo un omaggio alle grandi attrici del passato, quale Sophia Loren per esempio, ma è anche un ritratto delle stelle di oggi, come Emma Stone, Angelina Jolie, Jennifer Lawrence, Charlize Theron, Kate Winslet, Viola Devis e l’italiana di origini greche Valeria Golino con il curriculum da star internazionale.

Qui il libro di Marta Perego

Ne ‘Le grandi donne del Cinema’ di Marta Perego la piccola storia individuale si intreccia con la grande storia e non solo cinematografica perché le vite di queste personalità sono state comunque condizionate dai tempi in cui vissute.

I film che hanno girato, le sensazioni che hanno provato e tutto ciò di cui è permeata la loro esistenza non possono non prescindere dalle esperienze collettive di una società in divenire. Nessuna di loro però si è adattata alle aspettative sociali. Tutte sono uscite dalla zona di confort per essere loro stesse fino in fondo, oltre i pregiudizi, oltre le convezioni sociali e le aspettative familiari.

Emma Watson, per esempio, sta sfruttando la potenza dei social. Ma non lo fa in maniera superficiale bensì pubblicando le fotografie dei libri che legge. Insomma ciascuna con un stile molto personale è espressione della propria epoca. E il libro ce lo dimostra!

‘Le grandi donne del Cinema’, inoltre, èuna guida per appassionati ed è un piccolo lume per chi vuole avventurarsi nel magico mondo della Settima Arte, non solo al femminile. Tanti i film menzionati. Tante le storie raccontate. Da leggere. Complimenti a Marta Perego. (Marica Movie and Books)

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares