culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Libri: recensioni & interviste

IL TEATRO COME STRUMENTO DI RILANCIO CULTURALE

Igina Di Napoli

Igina Di Napoli, storico direttore del Teatro Nuovo di Napoli,  incontra docenti e studenti dell’Università di Salerno per discutere sulle potenzialità del teatro come strumento artistico di rilancio culturale del territorio e di confronto sull’indagine delle identità, delle appartenenze, dei generi. Collegato a questa manifestazione è lo spettacolo DonGiovanna di e con Giovanna Giuliani che si terrà, sempre il 6 giugno, nel Teatro d’Ateneo, alle ore 15,30.  Lo spettacolo costituisce il prologo ideale della collaborazione tra l’Università di Salerno, il Comune di Salerno e la Fondazione Salerno Contemporanea – Teatro Stabile d’innovazione, per l’avvio delle attività di un Teatro Stabile d’innovazione nella città e nell’Università di Salerno.

 L’incontro con Igina Di Napoli, che si terrà domani mattina presso la Facoltà di Lingue, segna un’ulteriore tappa nel percorso di approfondimento interdisciplinare intrapreso dall’OGEPO (novembre 2011-dicembre 2012) e in questo caso interseca il campo di interessi del Laboratorio di Filosofia e Linguaggi dell’Immagine coinvolgendo docenti di due Dipartimenti dell’Ateneo salernitano, da sempre particolarmente attento e attivo nel campo delle discipline dello spettacolo contemporaneo.

Igina Di Napoli è un personaggio centrale nella storia del teatro di innovazione italiano: insieme ad Angelo Montella ha riaperto i battenti dello storico Teatro Nuovo di Napoli (il teatro di Scarpetta, poi di Totò e del debutto come autore di Eduardo) nell’anno terribile del terremoto, il 1980, e proprio nel cuore dei quartieri spagnoli. Fu l’inizio di una sorprendente rinascita teatrale che riportò la città al centro dell’attenzione nazionale e internazionale: furono gli anni della nuova generazione di autori, registi e attori campani, come Annibale Ruccello, Antonio Neiwiller, Enzo Moscato, Toni Servillo, Mario Martone. Per tutti il Teatro Nuovo divenne un indispensabile punto di riferimento e di confronto.

Dirigere il Teatro Nuovo, organizzare e consolidare il lavoro collettivo, coinvolgere personalità della cultura, sapere attrarre sul proprio palcoscenico i grandi artisti della scena nazionale e internazionale, caratterizzare con chiari indirizzi di scelta le stagioni teatrali e i cartelloni, i laboratori, i seminari e i dibattiti: in tutto questo è consistito il lavoro di Igina Di Napoli al Teatro Nuovo fino ad oggi.

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Lascia un commento

shares