culturaeculture non ha pubblicità da maggio 2020. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Dona ora!

Libri: recensioni & interviste

Giuseppina Torregrossa: Il figlio maschio, recensione

giuseppina-torregrossa-il-figlio-maschio-recensioneLeggendo Il figlio maschio (Rizzoli), il nuovo romanzo di Giuseppina Torregrossa, mi sono tornate alla mente storie, anche familiari, di un Sud tremendamente bello ma sempre uguale nelle sue mille contraddizioni. Vicende di donne, però, condizionate da mamme e da suocere, troppo desiderose di avere in famiglia il tanto acclamato figlio maschio, perché qui a Mezzogiorno i maschi hanno sempre avuto l’ultima parola. Comandavano, dettavano le regole e soprattutto continuavano a vivere nella casa natia anche dopo le nozze, a differenza delle femmine che avevano bisogno di una dote, a volte cospicua, e che lasciavano i familiari d’origine per andare a vivere con il marito. Eppure, dietro ad ogni decisione presa da un uomo, c’era la saggezza o gli squilibri emotivi di una donna. Comunque, ahimè, non tutte le storie sono uguali. Ve ne racconto una. Annina era una ragazza come tante che sognava piccole cose. Lei non poteva sperare diversamente perché era nata femmina e, quindi, se tutto fosse andato secondo i piani, avrebbe avuto un marito, dei figli e, forse, anche dei suoceri da accudire. Pensava che avrebbe potuto scegliere ma, per lei, le cose non andarono secondo i piani. Rapita da un gruppo di uomini, assoldati da un ragazzo che si era invaghito di lei, dovette sposare suo malgrado quest’ultimo per evitare lo scandalo. Visse di stenti e morì qualche anno dopo. Sono state tantissime le donne umiliate e ferite nel loro orgoglio. Il romanzo di Giuseppina Torregrossa mi ha fatto ricordare (forse per il titolo) queste vicende, conducendomi quasi per mano in una terra bellissima, la Sicilia. Ho così potuto conoscere una famiglia di librai realmente esistita. Le pagine de Il figlio maschio attraversano il Novecento con delicatezza; mi aspettavo un protagonista al maschile e invece ho trovato personaggi femminili che decretano il successo degli uomini.

Tutto comincia nel 1924 a Sommatino, dove vive con la sua prole la straordinaria Concetta Russo, una donna passionale, amante della cultura, che fa studiare i figli (maschi e femmine), nonostante il marito contadino – Luigi Russo – non voglia. Quest’uomo è uno dei personaggi più significativi del romanzo. Rappresentante della vecchia forma mentis siciliana, che ritroviamo tra le numerose opere di Giovanni Verga, sembra uscito, infatti, dai Malavoglia. Come un’ostrica, Luigi si attacca ai suoi averi in nome di un passato che sta tramontando. Filippo (uno dei figli maschi), per lui, deve zappare per trarre i frutti dalla terra. Invece questo non accade. Il ragazzo si trasferisce a Palermo, dove con l’aiuto della sorella Concettina apre una libreria. Gli anni passano e la storia di Vito Cavallotto (il figlio maschio di Concettina) comincia a prendere forma appassionandoci. L’amore per l’editoria è il vero protagonista del libro. Grazie alla passione di un gruppo di donne, che hanno plasmato i loro figli maschi, sono nate in Sicilia le librerie Cavallotto e la Casa Editrice omonima, adesso gestite da Adalgisa, moglie di Vito, e dalle tre figlie. Il figlio maschio di Giuseppina Torregrossa, complessivamente, è un libro appassionante e ricco d’ispirazione per chi come me crede nella forza delle donne, un tempo all’ombra di mariti e padri onnipresenti oggi vere protagoniste della loro vita. Voto: 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

 

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha pubblicità da maggio 2020. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Dona ora!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares