culturaeculture non ha pubblicità da maggio 2020. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Dona ora!

Libri: recensioni & interviste

Cristina Parodi, io che arrivo sempre in anticipo

cristina-parodi-arrivo-sempre-in-anticipo“La vita è un giro di valzer, a volte lento e malinconico, altre volte allegro e frizzante. Bisogna lasciarsi guidare”. Parole che si leggono nell’ultimo libro di Cristina Parodi Arrivo sempre in anticipo, una sorta di diario in cui la giornalista narra brevemente e in modo incisivo la sua vita. Istanti di felicità, fatti di scelte coraggiose, perché, noi dopotutto siamo gli artefici del nostro destino; almeno questo è quanto mi viene da pensare leggendo Arrivo sempre in anticipo, edito da Mondadori e scritto dalla Parodi con uno stile leggero e frizzante. Suddiviso in quindici capitoli, questo libro di ottantanove pagine (con fotografie che ritraggono Cristina in alcuni momenti della sua vita) è una confessione autentica e calorosa di una piemontese una volta timida e impacciata, che però, grazie alla sua determinazione e al duro lavoro, è riuscita a esprimere se stessa come madre e come professionista. La fortuna certo, come si evince da Arrivo sempre in anticipo, ha aiutato Cristina Parodi, a cominciare dall’aspetto fisico, ma la tenacia ha fatto sicuramente il resto. Dal libro trapela un forte amore per il marito, Giorgio Gori, per i tre figli, per la famiglia d’origine, in modo particolare per il fratello Roberto e la sorella Benedetta, e per il lavoro di giornalista e presentatrice televisiva.

«Non sono l’unica donna che lavora, ma faccio parte di quell’enorme esercito femminile che oggi rappresenta a parer mio il vero motore della società». Cristina Parodi dice di essere contenta di non aver sacrificato nulla, né carriera né famiglia. Ha dovuto faticare, a volte soffrire perché, secondo la giornalista, è giusto conciliare due sfere così importanti della vita femminile, se è quello che veramente si desidera, in modo da non pentirsi in futuro di aver fatto scelte non libere bensì condizionate. «Mai arrendersi alle prime difficoltà», consiglia la Parodi che nel suo libro racconta d’incontri importanti, come quello con Giovanni Paolo II e Lady Diana, dei viaggi, del volontariato, dell’esperienza al Tg5, di Verissimo e della conduzione de La vita in diretta, senza tralasciare alcuni aneddoti curiosi. Arrivo sempre in anticipo è un full immersion di poche ore nella vita di Cristina Parodi, uno dei volti più conosciuti della televisione italiana; una donna che si è distinta per grazia, eleganza e discrezione, dalla quale certamente si può prendere esempio.

Maria Ianniciello

 

 

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha pubblicità da maggio 2020. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Dona ora!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares