culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Opinioni

Genitori e figli: consigli per l’uso? Chicca, la cagna che sapeva amare

Genitori e figli: consigli? Su questo rapporto si scrivono e si sono scritti tanti libri. Molti sono gli articoli pubblicati in rete e sembra che in tanti vogliano dare suggerimenti ai papà e alle mamme su come si faccia i genitori. Io vi risparmio i consigli, non ne ho. Non sono mamma, non ho mai allevato un bambino, quindi non abbiate timore! Non esistono leggi o regole, esiste solo la naturalezza. Penso più che altro che sia un fatto istintivo, che non servano manuali e che, per crescere un figlio, basti semplicemente ascoltare il corpo, riequilibrando mente, cuore e istinti.

[blockquote style=”1″]Se queste tre dimensioni cooperano, le risposte arrivano e tutto procederà con la massima naturalezza. Ma se cominciamo a riempirci di domande, come dei contenitori vuoti, e andiamo alla ricerca spasmodica di risposte le cose si complicheranno e ciò che è spontaneo diventerà artificioso così come del resto è questa società, sempre più esteriorizzata ed artefatta.[/blockquote]

Tutti a dispensare consigli, dunque, ma la terra quando deve far crescere i suoi frutti ha bisogno di suggerimenti? Il nostro cuore, quando deve battere, chiede consiglio allo stomaco o alla nostra coscienza? Le foglie cadono senza sforzo. La terra gira intorno al sole senza sforzo. Eppure noi pretendiamo di dar consigli a un padre e a una madre per spiegare loro come si diventa dei bravi genitori! E lo facciamo mediante convinzioni sociali, etiche, comportamentali, buoni propositivi, liste di obiettivi che fanno perdere ciò che è davvero importante: la spontaneità.

Genitori e figli:

Da bambina avevo un cane che si chiamava Chicca. Lei, in prossimità del parto, si creava la sua tana. Chicca odiava la cuccia, non è mai voluta entrare, né l’abbiamo obbligata però quando doveva partorire si sceglieva un posto sicuro, spesso creava una sorta di buco nella folta siepe che circondava la mia casa natia. Noi la lasciavamo fare, in attesa che i suoi cuccioli venissero al mondo. E la magia si ripeteva di anno in anno. Ricordo che solo una volta, a causa di un temporale, Chicca – preoccupata che la siepe non riuscisse a proteggere i suoi figli – li portò nella cuccia che tanto odiava. Noi la guardavamo estasiati ma non ci siamo mai sognati di intervenire, anche perché lei non ce lo permetteva. Chicca aveva una saggezza innata. Ma, quando arrivava il momento di lasciarli andare per la loro strada, questa cagna si dimenticava dei cuccioli che per lei diventavano degli estranei! La Natura tutto sa.

Immagine di repertorio. E`stata scelta perché il cane somiglia molto a Chicca.

Ora, mi è capitato di vedere in questi anni tanti genitori e figli (piccoli o adolescenti). E ho osservato attentamente non per giudicare ma perché penso che dalla relazione genitori/figli si possa comprendere bene la società contemporanea e i malesseri individuali/collettivi. I casi sono diversi. Ci sono genitori autentici e naturali che sono una guida per i loro figli; nella consapevolezza di non essere perfetti, non hanno paura di sgridarli all’occorrenza con autorevolezza ma sono consci che un figlio non è una proprietà e quindi sanno quando è il momento di lasciarli andare proprio come Chicca. Il padre fa il Padre e la madre fa la Madre, quando ci sono entrambe le figure. I ruoli sono ben definiti tanto che il bambino quando diventerà adulto avrà in sé entrambe le energie e saprà usarle bene all’occorrenza. Purtroppo questi casi sono rari.

[blockquote style=”1″]Più di frequente ho incontrato bambini non bambini, incapaci di volare sulle ali della fantasia con genitori (soprattutto la figura materna) apprensivi e paurosi di lasciarli vivere e di vivere a loro volta. Uomini e donne che si identificano talmente nel ruolo di mamma e papà che perdono il contatto con l’energia vitale (ripeto non è un giudizio).[/blockquote]

Genitori e figli

E poi ci sono i figli ribelli per reazione che, pur di spingere i genitori verso un atto di autorevolezza (uno schiaffo non ha mai fatto male a nessuno e neanche un rimprovero), li provocano sin da bambini. Come dimenticarmi di Sabino?! Io avevo 10 anni e lui 7. Veniva spesso a casa ed era un distruttore incontrollabile. Distruggeva le nostre cose senza che la madre battesse ciglio e, quando c’era il papà, faceva la stessa cosa. Ora non spettava a mia madre rimproverarlo ma ai genitori; mamma, poverina, era inerte. In realtà in casa di altri bisogna adottare un atteggiamento congruo perché la nostra libertà finisce dove comincia quella altrui e questo vale anche per i bambini che, se non guidati, penseranno che tutto gli è dovuto e sarà la vita poi a farli ricredere in un modo o nell’altro.

E come dimenticarmi di Martina che per un barattolo di Nutella, che non avevamo, fece venire il fin di mondo?! Io penso che i bambini vadano cresciuti nella naturalezza e non è naturale che un genitore diventi la marionetta di un bambino. Il problema non sono i bambini e nemmeno gli adulti. Il problema sta nella mancanza di naturalezza e consapevolezza in una società che ci vuole sempre più artificiosi. Seguire il proprio istinto e percepire l’Amore autentico, che non fa rima con debolezza o inerzia, è la Via.

Maria Ianniciello, giornalista pubblicista e naturopata

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares