Non solo Cinema

Wonder Woman trama, trailer e recensione

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

Wonder Woman è al cinema dal 1 giugno 2017. La trama ruota intorno alle vicende dell’eroina più famosa della Letteratura e della Settima Arte, con un cast esilarante e un plot che convince grazie a uno stile moderno, deciso e al contenuto chiaro. La pellicola è diretta da Patty Jenkins. La regista statunitense è alla sua seconda regia, dopo l’applaudito Monster, film del 2003 che fece conquistare a Charlize Theron il premio Oscar come miglior attrice protagonista. 

Wonder Woman: trama

L’amazzone, che è in ogni donna, è relegata su un’isola paradisiaca perché il mondo ha dovuto o voluto fare a meno della guerriera e ha scelto una figura femminile angelica, sottomessa che vive nelle retrovie, tra le pareti domestiche, mentre uomini senza scrupoli, partoriti però da donne, decidono il futuro dell’umanità a forza di cannoni e gas micidiali. Il messaggio del film Wonder Woman è chiaro e deciso come del resto anche lo stile e la trama.

Senza troppi giri pindarici la macchina da presa di Patty Jenkins ci conduce sull’isola di Themyscira, dove vive la piccola Diana, figlia di Hippolyta (Connie Nielsen), che apprende l’arte del combattimento dalla zia (Robin Wright), la quale la rende forte nel corpo e vigorosa nello spirito. Gli anni passano. Diana cresce e diventa una combattente coraggiosa e forte.

Wonder Woman trama

Poi un giorno arriva sull’isola Steve Trevos (Chris Pine), portando con sé morte e desolazione ma in ogni evento c’è sempre un fattore positivo. Il giovane pilota, che confessa di essere una spia, dà anche a Diana la possibilità di conoscere il mondo e di interfacciarsi con Ares, dio della guerra e figlio di Zeus. Siamo negli anni terribili del conflitto mondiale (forse il primo) e Diana – che ha il nome della dea della caccia – si confronta con le brutture di un’umanità scissa tra il bene e il male, tra la voglia di vendetta e il desiderio di amare. Qualcuno o qualcosa di soprannaturale mette lo zampino, sussurrando idee e azioni, però alla fine ciascuno ha la possibilità di scegliere autonomamente.

Wonder Woman: recensione e trailer

Wonder Woman è un film che appassiona, diverte e soprattutto ci insegna che in ogni donna c’è una forza primordiale che, se manifestata, può farci realizzare grandi cose. E` importante prenderne consapevolezza, ogni giorno. In questa pellicola la mitologia si mescola con il fumetto regalandoci un ottimo prodotto che somiglia solo a se stesso, complice la bravura dell’attrice protagonista. Dal Dadot dà il volto a una figura femminile impavida e ironica in alcuni momenti, che – motivata dall’Amore – si batte solo per la Pace e per chi soffre, sapendo che non può estirpare dalle viscere dell’umanità l’idea della guerra ma può contribuire a fermare il Male! E in ogni persona c’è un supereroe, dopotutto. Di seguito alcune immagini di Wonder Woman e il trailer.

Wonder Woman trama

Wonder Woman trama, recensione trailer

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta