Non solo Cinema

I pirati dei Caraibi 5, la rinascita di Johnny Depp: recensione

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

I pirati dei Caraibi 5 recensione – Cialtrone, sopra le righe, velatamente sgarbato eppure così autentico nelle sue molteplici contraddizioni evidenziate dall’andatura oscillante, dallo sguardo profondo, dal sarcasmo mai fine a se stesso. Quando le cose si complicano c’è sempre lui che smorza le tensioni con una battuta a effetto e con doppi sensi che ci fanno sorridere. Jack Sparrow è uno dei personaggi più riusciti della Settima Arte. Senza di lui Johnny Depp non sarebbe il grande attore che è e, senza Depp, Sparrow non sarebbe il personaggio che è! I due si completano e si arricchiscono vicendevolmente. L’uno appartiene a un mondo fantastico, dove esistono fantasmi, streghe e pirati. L’altro è reale. Si tocca con mano!

I pirati dei Caraibi 5 recensione

Perché questo pirata piace così tanto? Merito dell’attore statunitense, sicuramente, che anche ne I pirati dei Caraibi 5 rinasce e si reiventa ma il merito va soprattutto alla capacità di Jack di non prendersi mai sul serio! Ironizza su se stesso, sugli altri, sulla malasorte e soprattutto prende in giro la morte. Lo fa molto bene nel quinto film della fortunata serie.

Ne I pirati dei Caraibi. La vendetta di Salazar, infatti, Sparrow deve sconfiggere nientemeno che la Morte, la quale lo insegue in mare, mentre in terra ferma gli dà tregua: il fantasma del passato riemerge dalle acque motivato da una folle vendetta. Ha il volto di Javier Bardem che interpreta Salazar. Jack è costretto a imbarcarsi dal figlio (Brenton Thwaites) di Will Turner (Orlando Bloom), colpito da un tremendo maleficio, e da un’astronoma (Kaya Scodelario) che viene accusata di essere una strega.

I pirati dei Caraibi 5 recensione

Ne I pirati dei Caraibi 5 gli spunti di riflessione sono tanti: dall’incapacità di andare oltre i nostri sensi, perché – si dice a un certo punto – se una cosa non si vede non è detto che non esista, all’importanza dei Padri nella nostra società e alla lotta tra scienza e superstizione. Tutti temi molto attuali. Il nuovo film coinvolge, diverte, appassiona e riporta Johnny Depp agli antichi splendori, che come Sparrow era un po’ in sordina!

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta