Non solo Cinema

VISIONI DI BENE: OMAGGIO A CARMELO BENE

© Piccolo Teatro

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

A dieci anni dalla scomparsa (2002 – 2012), Milano omaggia Carmelo Bene, un artista di eccezionale talento e poliedricità, rivisitando una parte della sua ampia produzione teatrale, cinematografica e televisiva, al fine di stimolare una riflessione sulla controversa eredità che ha lasciato. Visioni di Bene. La voce, il teatro, il cinema, la televisione secondo Carmelo propone un  montaggio – realizzato per l’occasione – di interviste, filmati e produzioni televisive, nonché tutte le opere cinematografiche da lui dirette (5 lungometraggi e 2 corti) nell’arco di quattro giornate, con proiezioni su grande schermo e interventi dal vivo di attori, operatori o critici teatrali che hanno frequentato la sua opera. Gli eventi si svolgeranno nelle cornici suggestive del Piccolo Teatro e dell’Arianeto Castello Sforzesco. Il filo rosso di questa iniziativa rispecchia uno dei tratti caratteristici della personalità di Bene: la vocalità come ricerca, l’immagine sonora, la fisicità e la musicalità della parola, la phoné come canto poetico ed espressione dell’interiorità.

Le visioni delle performance di Carmelo Bene sono in realtà ascolto di invenzioni vocali che divengono immagine, orchestrazioni armoniche o dissonanti di parole assurte a ruolo di protagonista della scena. Carmelo Bene è stato un grande sperimentatore nell’ utilizzo originale di strumenti tecnologici che dessero forma a inedite modalità di ricezione visiva e sonora, stravolgendo abitudini e  conformismi del pubblico teatrale, cinematografico e televisivo. Trasgressivo, passionale, indisciplinato, coltissimo, Bene ha scompaginato le certezze e le convenzioni del “fare spettacolo” con un’irruenza e una determinazione senza eguali nella seconda metà del Novecento italiano ed europeo.

L’esperienza scenica di Carmelo Bene si riverbera anche in altre esperienze. Ogni volta che si è confrontato con un altro mezzo (il cinema, la televisione, la radio, anche le interviste) ha sempre cercato di valorizzare lo “specifico” del medium in cui si trovava ad operare. I film di Bene, i lavori realizzati per la RAI, anche se hanno uno stretto rapporto con il teatro – o sono addirittura filiazioni dirette di uno spettacolo – sono prima di tutto cinema, televisione, radio. Non sono mai teatro “trasportato” o “adattato” o peggio “ridotto” al cinema, in tv, alla radio. In un doppio binario di pluralità – il teatro che si riverbera nelle varie esperienze extrateatrali e i diversi teatri che si susseguono nel suo teatro – va tenuto presente un paradosso. Carmelo Bene ha lavorato a una radicale ridefinizione del teatro o forse a una sorta di distruzione creativa. Il farsi del teatro di Bene è al tempo stesso il suo sfarsi: lo smontaggio di capisaldi come l’idea di testo, di rappresentazione, di personaggio. Nel suo lavoro ha messo in discussione – o meglio, ha messo in crisi – la possibilità stessa di fare teatro, dunque ha chiamato in causa la sua necessità più profonda. In questo è stato provocatorio e radicale.

Strettamente legato a questo paradosso ce n’è un secondo, apparentemente inconciliabile con il primo: Carmelo Bene è a buon diritto inserito all’interno del percorso delle avanguardie. Per certi aspetti è stato il primo a realizzare – dopo più di mezzo secolo – alcune delle utopie teatrali lanciate dai futuristi. Senza di lui, il nuovo teatro italiano forse non sarebbe neppure nato, in ogni caso molti artisti e compagnie delle generazioni successive hanno verso di lui un debito enorme. Carmelo Bene – insieme forse a Leo De Berardinis – può essere considerato l’ultimo grande attore all’italiana, l’estremo frutto di una genealogia secolare. Nella sua figura e nella sua opera si incontrano, come sovente accade con i maestri, i due estremi: l’avanguardia e la tradizione. (Foto: la locandina dell’evento – © Piccolo Teatro)

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Commenta