Non solo Cinema

Milano, laVerdi omaggia Wagner

Copia di foto Xian Zhang credits Giovanni Hanninen-1636
credits Giovanni Hanninen

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

È in programma per domani (giovedì 2), venerdì 3 e domenica 5 maggio 2013 presso Auditorium di Milano Fondazione Cariplo (largo Mahler), il concerto in omaggio a Richard Wagner. Sul palco dell’auditorium salirà l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, che con questo 33° programma della Stagione Sinfonica intende puntare l’attenzione proprio sul compositore tedesco, che quest’anno condivide con Giuseppe Verdi le celebrazioni per il bicentenario della nascita.

Wagner, nato a Lipsia il 22 maggio del 1813, sarà affiancato durante questi concerti a un altro grande musicista, suo contempoeaneo e di stampo mitteleuropeo: l’ungherese Franz Liszt, di due anni più vecchio rispetto a Wagner e che con impareggiabile virtuosismo rivoluzionò la tecnica pianistica.

Zhang Xian1Sul podio dell’Auditorium salirà il direttore musicale de laVerdi Zhang Xian, di rientro a Milano da una trasferta in Australia. Guest Star de laVerdi sarà, infine, il pianista Paolo Restani, classe 1967, talento precoce che a soli 12 anni diede il suo primo recital.

L’appuntamento è per giovedì 2 alle 20.30, venerdì 3 alle 20.00 e domenica 5 maggio alle 16.00, sempre presso l’Auditorium di largo Mahler. Il programma vedrà in successione le esecuzioni di Lohengrin, Preludio atto I (Wagner); Concerto n. 2 il La maggiore per pianoforte e orchestra (Liszt), Paolo Restani al pianoforte; Rienzi, Ouverture (Wagner); Die Meistersinger, Ouverture (Wagner); infine, ancora da Lohengrin, Preludio atto III.

Per informazioni: www.laverdi.org

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Commenta