Non solo Cinema

GABRIELE MIRABASSI E ANDRE` MEHMARI A TERNI

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

A Terni venerdì 8 febbraio, presso l’Auditorium Gazzoli, alle 21, si esibiranno Gabriele Mirabassi & André Mehmari  con “Miramari”. Un incontro tra due artisti che condividono la medesima visione eclettica della musica, che li porta a riscoprire e riscoprirsi insieme nell’universo della musica popolare cameristica del più alto livello, nella quale l’esplorazione estrema e il ricorso a un’erudita tecnica, li porta a scoprire, clarinetto e pianoforte, sonorità nuove che si traducono in un discorso sonoro intelligente e sensibile.

L’incontro tra Gabriele Mirabassi e André Mehmari nasce da un’affinità musicale e si sviluppa tra le colline umbre e i canali veneziani. Sulle strade della musica è cresciuto Mirabassi, come artista e musicista affermato a livello internazionale, su quelle stesse “onde” ha incontrato Mehmari, per solcare insieme gli stessi mari, per condividere l’universo musicale mediterraneo, intriso di espressività, ma anche di emozionante rigore, improvvisazione e contaminazioni culturali sudamericane ed europee al contempo.

Città “invisibili” che prendono corpo, navigando attraverso melodie,armonie, oceani, mari, luci, ombre, pianto, cuore: tutto questo, unito a una strabiliante tecnica nelle mani di due grandi musicisti, è MIRAMARI.

«Il mare – racconta Mirabassi – educa al sentire e, come conseguenza, ai sentimenti». Anche nel cuore delle colline umbre lui è riuscito a trovare la sua “spiaggia”, il suo mare; la musica si “sente” e possiamo usare la stessa parola per descrivere le azioni compiute dal cuore e dall’udito,per sentire e per udire.

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Commenta