A Reggio Emilia le Giornate della laicità

A Reggio Emilia tutto pronto per le “Giornate della Laicità”, la manifestazione d’approfondimento culturale in programma dal 19 al 21 aprile 2013.

Un momento di discussione ed elaborazione del pensiero e dei concetti di democrazia e cittadinanza libera, organizzato da Iniziativa Laica in collaborazione con Arci Reggio Emilia, Politeia – Centro per la ricerca e la formazione in politica ed etica e Fondazione Critica Liberale. Dopo il successo delle precedenti edizioni, il Festival quest’anno sarà incentrato sul tema “Diritti al futuro – Un’Italia laica sarebbe certamente migliore”, e articolato in 16 incontri che vedranno la partecipazione di alcuni tra i più importanti pensatori del nostro paese, esponenti del mondo culturale, filosofico e scientifico, laico e religioso: tra questi, Stefano Rodotà, Enzo Marzo, Chiara Saraceno, Curzio Maltese, Eugenio Lecaldano, Marilisa D’Amico, Silvia Finzi, Carlo Alberto Redi, Simona Argentieri, Patrizia Borsellino e molti altri ancora.

«I cambiamenti in atto nella politica italiana potrebbero essere il preludio a una nuova discussione su quei diritti civili e di libertà, negati in Italia, dei quali i laici devono farsi promotori. La posta in gioco è alta e sta nella libertà di scelta di un cittadino maturo, indipendente, in grado di orientarsi sulla base dei propri principi e non su quelli delle varie autorità, in primis la Chiesa cattolica, che pretendono di dire come comportarsi ai cittadini, e cercano di imporre valori validi per tutti» spiega Giorgio Salsi, presidente di Iniziativa Laica e ideatore/direttore delle Giornate della Laicità.

programma

Si discuterà dell’agenda dei diritti civili e di libertà, posti in relazione a quei principi fondamentali della nostra Costituzione (laicità, libertà, autodeterminazione, uguaglianza, pluralismo, indispensabili per la convivenza civile e una cittadinanza costituzionale, che comprenda anche la messa in discussione il ruolo della Chiesa. «In una fase di spending review come quella che stiamo vivendo – prosegue ancora Salsi – , è impensabile che ancora oggi sussistano nel nostro Paese una serie di privilegi assurdi, inimmaginabili in altri Paesi e invece assodati in Italia, riconosciuti esclusivamente alla confessione cattolica. Pensiamo, ad esempio, agli insegnanti di religione, scelti dai vescovi e pagati dallo Stato, o al meccanismo perverso di ridistribuzione dei contributi dell’otto per mille. Occorre rilanciare la discussione su questa pretesa di uno stato differenziato a favore della religione e della Chiesa Cattolica, e sul tentativo di quest’ultima di imporre una visione unica sui valori civili di cittadinanza». Anche quest’anno la direzione scientifica delle Giornate della Laicità è affidata al professore Carlo Flamigni, uno dei maggiori esperti di fisiopatologia e padre della fecondazione assistita.

Tra i diversi incontri, uno spazio molto particolare sarà dedicato al confronto con due delegazioni provenienti da Francia e Belgio, che parteciperanno alle Giornate per dibattere su come la laicità sia vissuta a livello istituzionale nei Paesi d’oltre confine. Per la Francia ci saranno Jean Michel Ducomte e Pierre Tournemire, rispettivamente presidente e vicepresidente della Ligue de l’enseignement, l’organizzazione francese composta da oltre 30 mila associazioni affiliate, che si occupa di educazione popolare e laica nelle scuole. Per il Belgio, invece, ci sarà Pierre Galand, economista e senatore del parlamento, presidente del “Centre d’Action Laïque” e della “Fédération Humaniste Européenne”. Spazio anche all’attualità proveniente dagli stati del Nordafrica, con l’incontro “Primavera araba e laicità”, con la partecipazione di Silvia Finzi, e al focus sul rapporto tra mass media e religione nel nostro Paese.

 Per maggiori info sul programma: www.giornatedellalaicita.com

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Redazione

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: [email protected]

Lascia un commento