Natura

Salvia Sclarea: l’olio essenziale che favorisce il concepimento e stimola il femminile

L’olio essenziale di Salvia Sclarea è l’aroma che più di tutti associo al femminile insieme all’essenza di rosa, di vaniglia o di gelsomino. A dir la verità ce ne sono molti altri che stimolano la femminilità ma è quello che io preferisco.

Se dovessi scegliere una dea dell’Olimpo per la Salvia Sclarea, opterei certamente per la magnifica Afrodite che mi richiama alla mente anche la rosa. Afrodite (Venere per i Romani) era la dea dell’amore e della bellezza. Secondo la versione di Omero, era figlia di Zeus e della ninfa del mare Dione. Esiodo dà però un’altra versione ben più avvincente: Crono tagliò i genitali del padre Urano gettandoli in mare. Lo sperma del dio si mescolò con l’acqua facendo nascere Afrodite che è il simbolo della libertà al femminile. Sposò Efesto ma lo tradì ripetutamente dando origine alle arti e ai mestieri.

La sua storia è ovviamente simbolica e il suo archetipo è associato all’istinto di procreazione, alla voglia di innamorarsi, alla bellezza e alla creatività. Per analogia la Salvia Sclarea e il suo immancabile olio essenziale agiscono bene sull’apparato riproduttivo femminile favorendo le mestruazioni, il concepimento e supportando la donna in menopausa.

Ma non solo: l’olio essenziale di Salvia Sclarea è anche un valido cosmetico: affievolisce le rughe, cura la forfora, attenua la caduta dei capelli e risolve i fastidiosi effetti della sudorazione ai piedi. E` un valido aiuto contro la stanchezza mentale e il malumore.

L’olio essenziale si ricava dalle foglie e dai fiori di questa meravigliosa pianta dalle sfumature del viola che si differenzia dalla salvia officinalis; sebbene abbiano caratteristiche e proprietà simili. Appartiene alla famiglia delle Labiate e arriva dall’Asia e dal Mediterraneo. Io consiglio di prediligere oli che provengono dalle nostre zone perché il nostro organismo sembra riconoscerle meglio.

salvia sclarea olio essenziale
© Marzia Giacobbe – Fotolia.com

L’olio essenziale di Salvia Sclarea è atossico, non irrita, ma non va usato in gravidanza proprio perché alza il livello di estrogeni nel sangue favorendo la mobilità uterina e innescando pericolose contrazioni. Al contrario può essere impiegato per favorire l’ovulazione (se non ci sono problemi fisici, che impediscono la fertilità, potrebbe essere un valido aiuto per il concepimento).

Ha anche effetti tonici e sedativi; inoltre riattiva la circolazione, stimola la digestione, purifica il sangue, eliminando le tossine, migliora il drenaggio renale ed ha proprietà antisettiche ed antinfiammatorie. Può essere usata come collutorio per le afte o semplicemente per disinfettare.

Con il suo profumo erbaceo, forte e deciso ma anche esotico e dolce, l’olio essenziale di Salvia Sclarea è un ottimo afrodisiaco e inoltre concilia il sonno. Avete visto quante proprietà in una sola essenza? Tuttavia questo olio va adoperato con estrema cautela e in piccole dosi. E` compatibile con il preconcepimento, il parto e l’allattamento però non va utilizzato in gravidanza come ho accennato prima. Ha note olfattive di cuore e di testa.

Nonostante queste molteplici proprietà, non è detto che l’aroma di Salvia Sclarea (come accade per tutti gli oli essenziale) vada per ciascun individuo con i disagi sopra elencati. Nella vera aromaterapia, quella olistica, gli oli essenziali vanno scelti in base alle caratteristiche della persona, compreso il temperamento, e a seconda delle stagioni osservando i ritmi della natura che sono anche i nostri.

N.B. Gli oli essenziali non vanno applicati sulla pelle puri; inoltre ne sconsiglio l’utilizzo interno. Bisogna saperli scegliere e utilizzare; per questo vi suggerisco di rivolgervi a un naturopata/aromaterapeuta qualificato. (Dott.ssa Maria Ianniciello, naturopata ad indirizzo psicosomatico e giornalista pubblicista)

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta

shares