culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Natura

Natale e cucina: ecco le tradizioni culinarie della Sicilia

La Cassata
La Cassata

Il folclore invernale e festivo arriva anche a Palermo. A inaugurare l’inizio delle feste sono state le ricorrenze della “Giornata dei tutti i Santi” e della “Commemorazione dei Defunti”. Come ogni anno, le cucine siciliane di case e pasticcerie hanno preparato alcuni dolci tipici locali: la “Martorana” e le “Pupaccene” o anche note come “Pupi di zucchero” . Il primo, dove i maestri della cucina siciliana amano sbizzarrirsi con forme particolari, è composto da farina di mandorle e da zucchero ed insieme alla seconda specialità imbellisce le tavole con il cosiddetto “cannistru”: un ricco cesto di dolciumi, frutta secca e biscotti, la cui presenza anticamente si credeva regalasse un senso di augurio e benessere.

I primi di novembre si è infatti celebrato l’evento “Notte di Zucchero” presso i Cantieri Culturali della Zisa, uno dei quartieri del capoluogo siciliano, che ha unito in sé tradizione, cultura contemporanea e arte.
Il 13 dicembre sarà la ricorrenza di “Santa Lucia” a tenere occupati gli appassionati cuochi siciliani con i famosi “arancini di riso” e la “cuccia”, grano cucinato con cioccolato fondente, latte e zuccata. Quest’ultimo, come tradizione vuole, dovrà essere distribuito a familiari e amici.
Durante il pranzo di Natale di certo non potranno mancare la celebre “Cassata Siciliana”, pandispagna farcito con ricotta e gocce di cioccolato e ricoperto di pasta reale, il “Torrone” e i “Cucciddati” o “Buccellati”, dove gli ingredienti principali sono fichi secchi, mandorle, noci e pistacchi. A regalare un profumo inebriante saranno gli aromi dell’arancia, del limone, della cannella, del miele e della vaniglia.

I siciliani non intendono abbandonare le proprie tradizioni culinarie antiche da secoli che hanno visto l’insediarsi di dominazioni di popoli portatori di culture differenti. Sapori e profumi che narrano la storia di una terra che, nonostante il periodo di crisi economica, cercheranno di risollevare l’animo di ogni persona entrando nelle case e regalando un aria di festa il più possibile serena.

Miriana Di Paola

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Miriana Di Paola

Miriana Di Paola, nata a Palermo nel 1994, diplomata al liceo socio-psico-pedagogico e aspirante giornalista, intraprenderà quest’anno gli studi universitari nella città natale. È recensionista e scrittrice di poesie, di cui alcune edite nella raccolta “Disagio Psichico e Sociale”, di racconti e articoli pubblicati nella rivista online “Euterpe” per la quale scrive da circa un anno. Nutre, inoltre, la passione per la fotografia e partecipa attivamente a concorsi letterari.

Lascia un commento

shares