culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Natura

L’olio essenziale di cannella: i benefici e le proprietà

Il suo profumo è inconfondibile e un dolce fatto con la cannella ammalia certamente i sensi. Questa famosa spezia – ricavata dal Cinnamomum zeylazticwn, appartenente alla famiglia delle Lauracee – proviene dallo Sri Lanka, dal Madagascar e dall’India. L’olio essenziale di cannella è estratto dalla corteccia di questo meraviglioso sempre verde, il suo aroma è caldo, speziato, secco e dolce. Ne consiglio l’uso soprattutto in autunno e in inverno, quando le giornate diventano fredde e brevi. La sua azione riscaldante ci dà tono, vigore, ci stimola all’azione proprio quando tutto il nostro essere vorrebbe entrare in un lungo letargo per svegliarsi a primavera. Purtroppo non si può, di conseguenza la natura ci viene in aiuto!

L’olio essenziale di cannella, secondo la Medicina Tradizionale Cinese, esercita difatti un’azione Yang, stimolando in modo particolare il basso ventre e difatti si dice abbia poteri afrodisiaci. Inoltre agisce sull’intestino riportandolo in equilibrio; esercita un’azione antidiarroica, digestiva e antispastica ma stimola anche l’intestino pigro. Per l’antica Medicina Indiana lavora bene sul primo chakra. La Cannella ha una storia molto antica e venne importata in Europa dalla Cina – dove veniva usata soprattutto in Medicina – duemila anni prima di Cristo. Ecco perché la consideriamo una spezia nostrana.

L’olio essenziale di cannella

L’olio essenziale di cannella ha una nota di base; di conseguenza in una composizione di aromi (realizzata con note di testa e note di cuore nelle giuste percentuali) si sente per ultima. Quali sono le proprietà dell’essenza, dunque? L’olio viene usato in caso di stanchezza, convalescenza, cattiva digestione, diarrea, influenza, pediculosi, scabbia, punture d’insetti, impotenza, frigidità, influenza, colpi di freddo.

L’olio essenziale di cannella lenisce i dolori, gli spasmi, attiva la circolazione, ammorbidisce il tono muscolare. Per quanto riguarda la sua azione psichica possiamo dire che è un valido supporto per tutte quelle persone che vorrebbe essere cullate e protette, da chi soffre di squilibri nervosi che si originano da una mancanza d’affetto, da chi si sente solo. La cannella migliora anche la concentrazione ma è necessario saperla usare sia nell’aromaterapia per via olfattiva che sulla pelle, dove gli oli vanno sempre diluiti in olio vettore. La cannella in particolare per il suo potere riscaldante può irritare le pelli delicate. Quindi sconsiglio il fai da te, in modo particolare con l’olio essenziale di cannella.

Maria Ianniciello, naturopata e giornalista pubblicista

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares