culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Natura

Burro di Karité: proprietà e crema viso idratante fa da te

Ho scoperto da un annetto circa il burro di Karité, le cui proprietà sono riconosciute e acclarate. Lo uso soprattutto sui capelli, prima dello shampoo insieme all’olio di semi di lino, per idratarli, ma è indicato anche per la pelle, per le labbra e per le mani.

Contiene acidi grassi nonché vitamine A, D ed E che è l’antiossidante per antonomasia. In cosmetica è usato per stimolare la produzione di collagene ed elastina, dando elasticità e tonicità alla pelle.

burro di karaté

 

Il burro di Karité è un valido alleato contro le rughe, la secchezza cutanea, le irritazioni, gli eritemi e gli arrossamenti. Ha proprietà elasticizzanti ed è indicato nel trattamento di traumi ma non va applicato su tagli e ferite.

Come tutti gli oli vegetali, anche il burro di Karité è collegato in Medicina Cinese all’elemento fuoco, quindi dona vitalità ed energia perché il movimento di questo importante elemento è mobile, dinamico, scintillante, energico, cromatico, calorico, presente, vivace, fecondo, purificante, creatore. E` simbolo di forza evolutiva.

[blockquote style=”1″]Leggi l’articolo sull’olio di Jojoba [/blockquote]

E non è un caso che il burro di Karité arrivi dall’Africa centrale, il continente più caldo del pianeta, ed è estratto dai semi della Vitellaria paradoxa, un albero che arriva a toccare i quindici metri di altezza. Si usa in cucina come condimento e in cosmetica.

Come ho scritto, lo uso insieme all’olio di semi di lino per un impacco pre shampoo ma può essere utilizzato anche come ingrediente base per realizzare un’emulsione viso idratante. Di seguito la ricetta.

Crema viso super idratante

5 grammi di burro di Karité

3 grammi di cera d’api

40 grammi di olio di mandorle dolci

20 grammi di olio di jojoba

30 grammi di acqua distillata

9 gocce di estratto di semi di pompelmo

Sciogli a bagnomaria il burro di Karité e la cera d’api. Unisci gli oli vegetali e, senza farla bollire, riscalda l’acqua distillata a parte. Nel momento in cui i grassi e l’acqua sono alla stessa temperatura unisci a filo l’acqua. Frulla il tutto fino a che il prodotto non si raffredda e poi aggiungi i semi di pompelmo. Usa la crema ottenuta la sera e la mattina. (Fonte della ricetta il libro Cosmetici naturali fai da te, edizioni Riza)

 

Burro di Karitè
Spremuto a freddo da noci di karitè

Voto medio su 38 recensioni: Buono

€ 7

 

 

Maria Ianniciello, naturopata e giornalista pubblicista
Seguimi sui social e sul mio sito personale www.mariaianniciello.it

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares