culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Senza categoria

Marlon Brando, la vita e i film tra mito e tragedia

ultimo tango a parigiIl personaggio che più di tutti somiglia a Marlon Brando è probabilmente Paul di “Ultimo tango a Parigi”, il film uscito nel 1972 e diretto da Bernardo Bertolucci. La pellicola fece scalpore proprio per le innumerevoli scene di nudo. Paul è un uomo solo e disperato perché la moglie si è suicidata. Gira in solitudine per le strade della città, quando incontra nell’appartamento che deve affittare, Jeanne (Maria Schneider), una ragazza di cui conosciamo ben poco, anche lei senza una meta e senza un obiettivo ben preciso. Tra Paul e Jeanne nasce un’irrefrenabile e insana passione che diventa sempre più ossessiva, tanto che l’uomo abusa della ragazza. La scena fu ritenuta una delle più scandalose del Cinema e molte copie del film andarono distrutte, ma l’estro di Brando non passò inosservato, giacché l’attore proprio con “Ultimo tango a Parigi” ricette la nomination all’Oscar. Paul ha un’espressione malinconica e nostalgica, folle e rude. “Se tu potessi vederti, sai che risate. Il capolavoro di tua madre. Cristo, ci sono troppi fiori qui dentro, non si respira (…)”, dice tra sé, seduto accanto alla salma della moglie: “(…) Anche se un marito vivesse duecento maledetti anni, non scoprirebbe mai la vera natura di sua moglie, potrei anche arrivare a capire l’Universo, ma non riuscirò mai a scoprire la verità su di te, mai”. La cinepresa inquadra il corpo esamine della donna proprio quando Paul chiede: “Ma chi diavolo eri tu?”, poi si sposta di nuovo sul volto teso e sofferente dell’uomo che infierisce sulla consorte per chiedere infine tra le lacrime il perdono che lei non può concedergli. Una scena resa ancor più commovente da Marlon Brando che era insuperabile nei monologhi; come dimenticare il volto deciso e le parole calibrate di Vito Corleone, il boss della Mafia de “Il Padrino” di Francis Ford Coppola?

 

Nato nel Nebraska il 2 aprile 1924 da una famiglia umile, l’attore trascorse gran parte della sua carriera oscillando tra momenti di gloria e buio totale, con performance imbarazzanti e interpretazioni superlative. Marlon Brando – con due Oscar ricevuti (il primo nel 1955 grazie a “Fronte del porto”, il secondo nel 1973 per “Il Padrino”) – fu sex symbol in “Un tram che si chiama desiderio” del 1951, nel 1953 indossò i panni di Marco Antonio in “Giulio Cesare” e nel 1972 fu un instabile colonnello in un altro film di Francis Ford Coppola, “Apocalypse Now”. A dieci anni dalla sua scomparsa, avvenuta il 2 luglio del 2004, l’attore è oggi considerato un mito, al pari di Merilyn Monroe e altre star di Hollywood. Le tragedie (il suicidio della figlia) e le sregolatezze, tra cui l’ossessione per il sesso, – proprio come accade a Paul – hanno  fatto sfiorire la sua carriera, facendogli vivere gli ultimi istanti della sua turbolenta esistenza in povertà e in solitudine. Marlon non poteva essere perfetto, tuttavia quell’ideale utopico di perfezione, al quale molti attori aspirano, ha contribuito a offuscare, a poco a poco, negli ultimi anni, un talento innato, negando così al Cinema altre interpretazioni magistrali. Ma, come canta Luciano Ligabue, Marlon Brando “è sempre lui”…

Maria Ianniciello

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares