Senza categoria

Il fidanzato di mia sorella: trama, trailer e recensione

il-fidanzato-di-mia-sorella-trailer-trama-recensioneClasse 1953, sex appeal inglese e tanto glamour. L’ex agente 007, Pierce Brosnan, è tornato sul grande schermo con il film sentimentale Il fidanzato di mia sorella. Accanto all’attore britannico, una raffinata e sensuale Salma Hayek, donna latino-americana che abbiamo visto in diversi lungometraggi, tra cui Il racconto dei racconti di Matteo Garrone e prima ancora Frida, pellicola del 2003 che ripercorre la vita della pittrice messicana Frida Kahlo. La bellezza latina di Salma Hayek e l’eleganza di Brosnan creano un mix perfetto, che rendono questa commedia romantica ancor più frizzante. Scandito dal tango e dai ritmi sudamericani, questo film – al cinema dal 22 luglio e diretto da Tom Vaughan – ha come protagonista un docente di Letteratura che insegna a Cambridge e che ha la nomea di latin lover. Richard Haig (Pierce Brosnan) imita in tutto e per tutto suo padre, un uomo anziano che intende il carpe diem epicureo come un eccesso di sregolatezze e tradimenti. Il protagonista de Il fidanzato di mia sorella, però, ha un’indole diversa. Incastrato da una giovane e avvenente studentessa, che ha le sembianze di Jessica Alba, si trasferisce in America con lei e diventa padre. A Los Angeles, per Richard, le cose si complicano, perché sua moglie s’innamora di un altro e lui, che non vuole lasciare il figlio, non può restare negli Stati Uniti senza un lavoro fisso. La folle passione per la sorella (Salma Hayek) della sua consorte rende ancor più difficile la vita di questo affascinante personaggio. Svestiti i panni del killer freddo e spietato di Survivor, l’attore inglese si cala in un ruolo non insolito, al quale la settima arte sta dedicando molto spazio, cioè quello di un padre che, pur di stare vicino a suo figlio, è disposto a tutto. Infatti, da Mrs Doubtfire a Kramer contro Kramer e La ricerca della felicità, il Cinema sta indagando affondo su questo tema con registri diversi ma convincenti. Il fidanzato di mia sorella è un film che – con quel velo evidente, seppur sottile, di snobismo anglosassone nei confronti della società contemporanea americana – ci fa riflettere su altri argomenti, come per esempio il ruolo della Letteratura (in questo caso della poesia romantica) nel mondo odierno. Brosnan è credibile nella parte di padre ed ex latin lover, perché questo personaggio ha in sé tutte le contraddizioni del maschio occidentale, lontano dall’icona del patriarca vecchio stile, simboleggiato da uomini come Charles Ingalls della serie tv La casa nella prateria oppure come Georg Ritter von Trapp di Tutti insieme appassionatamente. Questa commedia, comunque, nel complesso è divertente, leggera e attuale. Voto: 3 out of 5 stars (3 / 5)

Trailer Il fidanzato di mia sorella

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

shares