Senza categoria

“Francesco” su Rai Uno? Oltre il Santo un uomo che ama

Francesco fictionL’8 e il 9 dicembre è andata in onda su Rai Uno la prima puntata della miniserie “Francesco”, diretta da Liliana Cavani che ha raccontato un santo inedito, lontano dal San Francesco di Raoul Bova. Mateusz Kosciukiewicz dà invece il volto a un uomo meno desideroso di migliorare il mondo e la società, perché non si può cambiaremigliorare il divino che è in noi, dato che, come si legge nelle Scritture, l’uomo è stato fatto a immagine e somiglianza di Dio.

Questo almeno è il pensiero di Francesco che nella nuova fiction di Rai 1 conosciamo gradualmente attraverso gli occhi di Santa Chiara (Sara Serraiocco) ed Elia da Cortona (Vinicio Marchioni). I continui flashback ci conducono nel periodo in cui Francesco, giovane ribelle, con cautela e non senza qualche pregiudizio comincia a leggere il Vangelo, il cui messaggio gli tocca il cuore. Osteggiato dal padre, decide di dare via tutti i suoi averi e crea una comunità di penitenti.

Questo film-tv ci porta, dunque, per mano nel Medioevo perché per capire la figura del Santo di Assisi e il suo pensiero bisogna anche contestualizzare il periodo storico in cui Francesco visse. Molti cambiamenti intaccarono vecchi equilibri per crearne di nuovi. Il vento del rinnovamento non ha però in sé solo elementi positivi, perché la distruzione di un vecchio sistema è spesso dolorosa. Infatti, lo sviluppo del commercio, così come lo intendiamo oggi, e la corruzione della Chiesa, che si era allontanata dal messaggio evangelico, fecero nascere una serie di movimenti di opposizione, di cui Francesco faceva parte. Ma il Santo di Assisi percorse un’altra via, quella della moderazione, perché lui – come dice egli stesso alla fine della prima puntata – non aspirava a cambiare gli altri bensì se stesso. E lo faceva amando il prossimo e soprattutto i poveri, i diseredati e anche le pecorelle smarrite di cui parlava Gesù.

Francesco Rai 1

Francesco nella versione di Liliana Cavani non aspira alla gloria e al successo, perché egli vuole solo agire nella Chiesa per conto della Chiesa e in nome del Vangelo, tanto da stupire Innocenzo III che, anche grazie a un sogno, riconosce l’Ordine dei Francescani.

Il Santo di Assisi, che rinunciò a tutti i suoi averi per la sorella “povertà”, continua dunque ad affascinare il cinema e la televisione proprio per il suo messaggio universale e autentico. Passano i secoli ma le parole di quest’uomo, che si sentiva non padrone ma parte del Creato, restano immacolate.

La Miniserie di Rai 1, con il suo cast di attori in Italia quasi sconosciuti (scelta rischiosa ma vincente), ha soddisfatto le esigenze di un pubblico anche giovane, che in Francesco vede un esempio da seguire, e nonostante qualche (poche) sbavatura, sa essere comunque convincente.

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

shares