culturaeculture non ha pubblicità da maggio 2020. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Dona ora!

Senza categoria

“Due giorni, una notte”, i fratelli Dardenne e la lotta di classe

La trama e la recensione di “Due giorni, una notte”, l’ultimo film dei fratelli Dardenne con una straordinaria Marion Cotillard, eroina della nuova lotta di classe.

I fratelli Luc e Jean-Pierre Dardenne, cineasti belgi vincitori di due Palme d’oro a Cannes (con “Rosetta” nel 1999 e con “L’Enfant” nel 2005), sono poco inclini alle rivoluzioni rumorose, violente, nonostante raccontino, con rigorosa radicalità, i conflitti sociali contemporanei. Il loro è un cinema viscerale che colpisce duro parlando sottovoce, senza indulgere all’isteria dei sentimenti o alla morbidezza della retorica. Alla camera a mano indagatrice che rimanda ai pedinamenti zavattiniani dell’ “every man”, si concede in “Due giorni, una notte” la fisicità trasandata di Marion Cotillard, capelli scarmigliati e passo claudicante, l’azzurro degli occhi malinconici velato di tristezza. Espressione di un umanesimo dolente in cui non è più la parola a giudicare mettendo sotto accusa il sistema, ma è l’immagine, spesso decolorata e fuor di metafora, a dare il senso pieno del vuoto sociale circostante. L’attrice parigina, diva camaleontica a cavallo tra mainstream e cinema d’autore, si fa corpo violato per la veracità minimalista dei Dardenne, prosciugata dalla depressione che la rende dipendente dallo Xanax. Costretta a lasciare il lavoro a causa della malattia, scopre che la riassunzione è divenuta un miraggio: attraverso uno scaltro escamotage del capo Dumont e le perfide manipolazioni di Jean-Marc, è stata indetta una votazione tra i suoi colleghi che, tra un bonus di mille euro o il suo reinserimento nella ditta, hanno scelto la prima opzione. Spinta dal marito e dall’amica Juliette, Sandra avrà due giorni e una notte per convincere i lavoratori della fabbrica a votare nuovamente, recandosi da ognuno di loro per far valere le sue buone ragioni. Alla fine è tutta questione di numeri e di una disperata peregrinatio “porta a porta”. Ce lo dice il sistema capitalistico, il grande universo delle multinazionali e quello della piccola imprenditoria. A Sandra, per poter rimanere in fabbrica servono otto voti più uno e ai colleghi tocca rimanere senza bonus da mille euro. Nella guerra fra poveri, vince chi sopravvive. Dopo numerosi documentari sulla storia del movimento operaio belga, le cinéma vérité crudo e minimalista dei due fratelli si è rivolto, in stretta continuità stilistica, alla creazione di tableaux vivants in cui, all’evoluzione climatica del plot, hanno preferito una narrazione esemplare che nega la dialettica campo-controcampo e concentra l’attenzione sugli uomini e sulle loro tragedie individuali. Seguita dalla macchina da presa soprattutto di spalle e tre quarti, Sandra è vittima sacrificale e “figura christi” del martirio sociale a cui sono sottoposti i lavoratori sprofondati nell’inferno del precariato, degli impieghi in nero e dell’assenza di tutele sociali. In un percorso stilistico inaugurato con “Il ragazzo con la bicicletta” che si distacca parzialmente dalla sobrietà dei primi lungometraggi (“La Promesse” o “Rosetta”), “Due giorni, una notte” rappresenta l’approdo estremo, con pochi “rumors” di sottofondo e due sole canzoni-simbolo, di una struggente “poetica della soglia”: Marion Cotillard, meraviglioso cigno baudelairiano nel putrido serraglio, sosta sull’uscio della “generazione mille euro”, sfiora (con parole e sguardo dimesso ma sempre ipnotico) i colleghi a cui affida suppliche non sempre inascoltate, cerca compassione, ma trova anche empatia. Con tono mai edulcorato i fratelli Dardenne, lontani dalla violenta mise en scène del mondo del precariato (nel “Cacciatore di teste” di Costa-Gavras ad esempio) scelgono una via poetica e disperata per attestare il fallimento della società costituita dove la redenzione è conquista sofferta di pochi individui veramente liberi.

Vincenzo Palermo

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha pubblicità da maggio 2020. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Dona ora!

Vincenzo Palermo

Nato a Catanzaro, si laurea in Lettere moderne a Bologna, con tesi sul Decameron fantastico. Grande appassionato di cinema e letterature medievali, collabora con portali e siti di critica cinematografica, dedicandosi alla scrittura di recensioni e articoli di approfondimento tematico. Campi di interesse: classici del muto, grandi autori europei, New Hollywood e tendenze sperimentali del cinema moderno.

Lascia un commento

shares