Come capire se una notizia è attendibile? Scoprilo qui

Oggi veniamo invasi da molte informazioni e alcune non sono vere o non lo sono del tutto. Ma come capire se una notizia è attendibile? Procediamo per gradi. Podcast in calce

Come capire se una notizia è attendibile? Il ruolo dei giornalisti e la mancanza di senso critico

Intanto comincio con il precisare che ogni giornalista dovrebbe fare un lavoro di verifica molto attento e capillare ma il tempo è poco e le notizie si rincorrono. La verifica delle fonti richiede tempi lunghi che il mondo dell’informazione h24 non ha.

Le competenze di chi scrive

Purtroppo sono tante le persone che, senza avere le competenze, redigono dei contenuti e questo è un problema da non sottovalutare. C’è infine un altro fattore da tenere presente, quando si parla per esempio di Fake News che diventano virali, ed è la mancanza di esercizio collettivo al senso critico.

Il senso critico

A Scuola, difatti, non ci hanno insegnato a pensare in autonomia per tutta una serie di motivi storici e culturali ma anche perché viviamo in un’epoca dal ritmo sostenuto dove contano più le nozioni che l’intero processo che porta all’apprendimento e che è diverso da persona a persona.

Come funziona il cervello…

Il nostro cervello è programmato per consumare meno energia possibile, di conseguenza questo organo così sofisticato cerca la strada più semplice per trovare una risposta. Spesso il cervello trae conclusioni usando sia esperienze passate e sia le convinzioni che ci siamo costruiti nel corso degli anni su determinati argomenti ma anche sulla nostra idea di vita. Pertanto quando ci poniamo una domanda, già nel quesito può capitare di frequente che ci sia la risposta. E su quest’ultima costruiamo le nostre tesi per avvalorare le credenze individuali e collettive.

Il cervello va, dunque, messo nelle condizioni di esaminare e vagliare tutte le ipotesi (anche quelle che non ci piacciono) partendo da domande semplici senza inquinare l’analisi con risposte già date in anticipo. Faccio un esempio: se volessi fare un’indagine sul ponte dal de tali che è crollato, dovrei mettere da parte tutte le convinzioni compresa quella secondo cui chi ha costruito la struttura ha commessi degli errori per interessi personali. Bisogna partire da zero ponendosi una domanda intelligente e priva di pregiudizi. Come fare? Partendo dal detto socratico: so di nulla sapere!

Mettendo in dubbio le nostre convinzioni ed opinioni precostituite, spesso basate sul niente, daremo spazio alla meraviglia e aggiungeremo valore nella nostra vita.

come capire se una notizia è attendibile

Consigli per capire se una notizia è attendibile

Come scovare una Fake News? Partiamo dai video e dalle notizie che ricevi in chat o leggi su Facebook. La prima cosa che devi fare, come suggerisce Maura Gangitano, in questo video, è non condividere subito. Lascia stare quel filmato o quel testo scritto per un po’ dov’è. Poi riprendilo, se ti va, e accertati della sua autenticità formale.

Di solito si citano giornali e soprattutto autorità per fare più presa. Quindi accertati che quell’autorità o quel giornale abbia effettivamente detto tali cose. Se in un video vengono montati pezzi di intervista, cerca la fonte originale, per contestualizzare il discorso ed evitare così di cadere in facili strumentalizzazioni. Una volta stabilita l’autenticità di un testo, procedi stabilendone l’importanza. Come si fa? Cerca di capire chi ha dato quella notizia, cioè chi è la fonte. E` autorevole? Quel giornale è indipendente oppure è la voce di un partito?

Insomma, usa il pensiero critico e fidati di chi ha davvero le competenze per poter dare informazioni. La credibilità di una persona/fonte si costruisce nel tempo. Se sei attento capirai subito chi è credibile e chi meno. E` tutta una questione di esercizio! Per capire se le notizie sono attendibili bisogna usare la testa senza cedere agli istinti che in questo caso non aiutano.

Ascolta “Notizie attendibili. Ecco come riconoscerle” su Spreaker.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Lascia un commento