L’ABITO PERFETTO? LO SCEGLIE IL BODY SCANNER

© Anatoly Tiplyashin - Fotolia.com

Addio lunghe code ai camerini per trovare l’abito giusto. Addio alla restituzione di vestiti acquistati su internet e rivelatisi della taglia sbagliata. Adesso un body scanner precisissimo rileva le misure esatte del vostro corpo e vi fornisce un documento con i vostri dati, le taglie e le marche degli abiti che vi stanno alla perfezione, così che potrete acquistare in tutta sicurezza anche su internet, evitando di fare file chilometriche nei negozi.

I body scanner, nati con tecnologia aeroportuale, sono i personal shopper del futuro. Negli Usa sono istallati in molti centri commerciali e sono già stati utilizzati da almeno 800 mila persone. Il funzionamento è molto semplice: basta entrare vestiti in un cilindro che, girando attorno al cliente, rileva forme e misure del corpo attraverso l’utilizzo di onde radio. Non sono, fornisce anche indicazioni precise circa il modello e il brand più adatto ad ogni figura. Lo scopo delle case produttrici di abbigliamento è fornire dati accurati per poi dirottare sulle piattaforme web i clienti, che si fidano ancora poco di acquistare su internet.

Le società statunitensi stanno investendo molto su questo sistema, che si sta diffondendo anche a Londra e Berlino, ma i problemi sollevati dalla nuova tecnologia sono tanti. Innanzitutto si pensa alla salute, se queste onde radio facciano davvero bene. Inoltre, c’è la questione della privacy, di dove finiscano i dati elaborati e quale uso venga fatto delle immagini del volto e del corpo dei clienti. Ma questi problemi sembrano passare in secondo piano davanti alla possibilità di indossare l’abito perfetto evitando lo stress da shopping.

Piera Vincenti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Piera Vincenti

Piera Vincenti è giornalista e copywriter. Si occupa di comunicazione aziendale e pubblica e collabora alla realizzazione di siti web. Laureata in Sociologia, ha conseguito la laurea specialistica nel 2010 dopo aver ottenuto la laurea triennale in Scienze della Comunicazione.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI