Natura

GIORGIO E GIULIANA: ECCO COME ABBIAMO PERCORSO L’AMERICA IN VESPA

 

 

 

Ciao Giorgio, ciao Giuliana. Innanzitutto benvenuti su CulturaeCulture.it. Come è nata la passione per i viaggi e cosa rappresenta per voi il viaggio?

Ciao e grazie. Abbiamo sempre avuto la passione per i viaggi. Inizialmente usavamo moto, treni, autostop o quello che capitava! Il primo viaggio in vespa è stato in America sulla Route66 nel 2010.

Giorgio: Per me il “viaggio” è una fuga, io scappo da obblighi, doveri, monotonia; quando sono in strada torno vivo e non esiste nient’altro, non so nemmeno io come cosa mi accade… so solo che voglio stare per strada e lasciare tutto al caso!

Giuliana: All’inizio ero spinta dalla voglia di conoscere culture e posti diversi; quindi viaggiavo per un arricchimento personale, ora è diventato un vero e proprio bisogno.

La vespa per voi è sinonimo di….

Giorgio: La vespa, come qualsiasi due ruote, è sinonimo di libertà; l’idea di viaggiare in vespa mi è venuta in mente un po’ per caso, per sfida; il Generale mi è stato regalato che era un ferro vecchio, tutto arrugginito, e a quelli che mi dicevano di buttarlo via rispondevo che l’avrei dipinto come il generale Lee della serie televisiva Hazzard e che ci avrei percorso la strada madre, la strada per eccellenza! Ho sempre sognato di percorrere quella strada e ho voluto farlo con un mezzo che ci obbligava ad “andare” lento, anche quando potevo viaggiare veloce; ed è stata proprio questa scelta che ci ha permesso di incontrare tutte quelle anime lungo la strada!

Avete fatto tanti viaggi in Vespa ma qual è il luogo che vi ha donato di più in termini di crescita?

Giorgio: Qualsiasi viaggio in qualsiasi posto ti fa crescere e ti cambia per sempre. A volte non c’è bisogno di andare molto lontano, si possono incontrare persone e luoghi fantastici anche vicino casa, com’è successo poco tempo fa a Grottaminarda, in provincia di Avellino, e dintorni dove abbiamo assaporato la calorosa ospitalità della sua gente e attraversato paesi e luoghi di una bellezza antica e unica. I posti che abbiamo visitato sono totalmente differenti uno dall’altro che in modi diversi mi hanno tutti donato molto più di una cosa, ma per me resta ancora l’America, tutta quanta. Come scrivo nel libro è stato incredibile trovare tutte quelle persone che ci abbracciavano e ci ospitavano, che addirittura ci davano 20 dollari per la benzina e che ci dicevano che volevano contribuire al sogno e tutto questo in scenari da brivido. In America ho trovato la libertà e l’apertura mentale, un posto in cui è ancora possibile sognare e dove riuscivo a respirare. L’America mi ha fatto conoscere “l’essere umano”.

Giuliana: Per me forse il Sud Est asiatico e in particolare la Cambogia, un posto magico, di una spiritualità indescrivibile, dove le persone, nonostante l’estrema povertà, hanno una dignità sconvolgente. Ricevere un bicchiere d’acqua da una bambina in un villaggio sperduto ti dà più di quanto si possa immaginare o desiderare.

Qualche episodio che vi piacerebbe condividere con noi di CulturaeCulture.it e che vi portate nel cuore?

Giorgio: Questa domanda è troppo difficile, gli episodi sono tantissimi e tutti legati a persone incontrate lungo la strada o a luoghi in cui abbiamo rischiato di più, come la valle della morte in America dove le temperature a fine giugno raggiungevano i 60 gradi. Un posto preistorico, affascinante e inquietante allo stesso tempo, dove il nulla e tutto sono la stessa cosa. Noi abbiamo impiegato due giorni per attraversarla e nonostante il caldo insopportabile e la consapevolezza di poter morire è stata una delle esperienze più forti vissute.

Avete pubblicato con Mursia “L’America in Vespa”. Come è nato questo libro?

Giorgio: Appena tornato a casa ho scritto il libro perché ho sentito il bisogno di farlo, quello che ho provato è stato troppo intenso per non scriverlo e volevo anche ringraziare tutte le persone fantastiche incontrate lungo la strada!

Come vi siete conosciuti?

Giorgio: Io e Giuliana ci siamo conosciuti a un motoraduno 14 anni fa; là  è iniziato tutto.

Progetti?

Giorgio: Ho talmente tante cose per la testa che non so da dove cominciare…. Per ora continuo a sognare visto che ancora mi devo svegliare dal viaggio in America. Spero di poter continuare a scrivere e incontrare tutte le anime e i “fantasmi” di strada. A proposito tra non molto uscirà il mio secondo libro sempre edito da Mursia.

Per informazioni: http://www.terraeasfalto.it/ 

Maria Ianniciello

Il nostro voto
Vota anche tu il film (se lo hai visto)
[Total: 0 Average: 0]
close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta