23 settembre 2012
Piera Vincenti (230 articles)
Share

COLORI CALDI E FANTASIE SICILIANE PER DOLCE & GABBANA

Dolce & Gabbana - © cameramoda.it

Quella di Dolce & Gabbana era decisamente una delle sfilate più attese della Settimana della Moda di Milano e i due stilisti italiani non hanno deluso le attese del pubblico, presentando una collezione ispirata alle forme e ai colori caldi dell’Oriente e della Sicilia per la prossima primavera estate 2013. A farla da padrone sono le tonalità del rosso, dell’arancio e del giallo, un must per l’estate, con disegni che rappresentano località e simboli dell’isola siciliana, come i famosi putti. Spazio anche alle righe, orizzontali e verticali, bicromate: bianco e rosso o bianco e nero per modelli veramente chic. Ma non è finita qui perché Dolce & Gabbana accoppiano spesso le fantasie siciliane, coloratissime, con la bicromia delle righe per un effetto davvero particolare. La lunghezza degli abiti è molto variabile: si passa dalle gonne cortissime e svasate alle longuette fino agli abiti alla caviglia. Linee semplici e sobrie si alternano a trame fantasiose ed elaborate. Non mancano neppure gli abiti in juta e cotone che richiamano e i sacchetti in vendita nei negozietti turistici della Sicilia, che ritraggono famose località come Taormina. Spazio anche ai ricami e alle fantasie africane.

Il vero punto di forza della collezione Dolce & Gabbana, però, sono le scarpe: zeppe scultura e pumps con tacco gattino. A dare ampio spazio alle calzature era già stato Emilio Pucci, le cui zeppe erano vere e proprie sculture, mentre Prada aveva puntato su tacchi eccentrici ispirati alle calzature delle geishe. Dolce & Gabbana hanno presentato tantissimi modelli diversi, puntando in modo particolare su zeppe altissime e scultoree, pumps a punta stretta con tacco gattino e slingback, ballerine e modelli flat da abbinare ai costumi da bagno che hanno chiuso la sfilata.

Fra altre sfilate di oggi anche quelle di Byblos e Laura Biagiotti.

Byblos osa con le trasparenze; non è passato inosservato infatti l’abito nero lungo che lascia completamente scoperto il fondoschiena. La donna Byblos non teme gli sguardi, è spregiudicata ma anche sbarazzina. Chi gioca con i colori è Laura Biagiotti che oggi pomeriggio ha portato sulle passerelle milanesi principalmente intrecci di tonalità, con una predominanza di arancio, fucsia e giallo fosforescente, ma anche bianco, in abiti sinuosi dalle figure geometriche e floreali. Fra gli accessori? I grandi orecchini e le fasce per i capelli.

Piera Vincenti

Piera Vincenti

Piera Vincenti

Piera Vincenti è giornalista e copywriter. Si occupa di comunicazione aziendale e pubblica e collabora alla realizzazione di siti web. Laureata in Sociologia, ha conseguito la laurea specialistica nel 2010 dopo aver ottenuto la laurea triennale in Scienze della Comunicazione.

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.