RITORNO AL PASSATO?

Angelino Alfano attacca il Professore affermando che «è la stampella del centrosinistra», Dario Franceschini, capogruppo del Pd alla Camera, sostiene invece che la coalizione di Monti «è un’operazione di centrodestra». Chi ha torto e chi ha ragione? Entrambi.

La verità è che la politica italiana soffre di nostalgia, una sensazione che annebbia il cervello: una parte del centrodestra e anche un gruppo di cattolici di sinistra rimpiangono ancora i gloriosi tempi della Prima Repubblica, quando a comandare nel Bel Paese erano i democristiani, sostenuti dalla Chiesa e dagli Stati Uniti che temevano l’avanzata del Comunismo.

Quindi, si “tenta” di creare lo stesso scenario, anche se ormai i tempi sono cambiati e la Guerra Fredda è un lontano ricordo. Ma si sa, alcuni, più di altri, hanno la memoria corta.

Mario Monti ha annunciato solo ieri in conferenza stampa di voler guidare una coalizione centrista – senza aspirare a nessun seggio perché è senatore a vita – formata certamente dall’Udc, dal Fli, dall’Api, da Italia Futura e da alcuni ex esponenti del Pd.

Monti ha l’appoggio, dunque, del Vaticano e dell’Unione Europea; cosa non da poco! Ma come accennato prima i tempi sono cambiati e le “pie” donne non frequentano più la Chiesa come una volta, tanto da influenzare tutta la famiglia.

A votare non saranno quindi né la Chiesa, né l’Unione Europea, ma i cittadini, tra i quali Monti non gode dello stesso prestigio. La decisione di Monti potrebbe favorire sia Berlusconi, sia Bersani, in quanto a decidere le sorti dell’Italia saranno come sempre gli indecisi, cioè coloro che non parteggiano per nessun partito; quella classe media che un tempo votava DC ma che oggi non si fida del professore. Chissà che lo scudo crociato non compia il solito miracolo…

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Maria Ianniciello 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI