LO SPIRITO DELLA CULTURA

© Sychugina_Elena – Fotolia.com

Molti sono i giornali che stanno riducendo, se non eliminando, le pagine culturali: la cosiddetta Terza Pagina dove si approfondiva la Cultura, quella che fa volare la mente e poi unire i puntini, come affermava Steve Jobs raccontando agli studenti di Stanford  parte della sua vita. Proprio così, perché solo la cultura autentica ci insegna a pensare con la nostra testa, a carpire le innumerevoli possibilità di riscatto che la vita ci offre e infine a unire i puntini. A farci “spalancare” le porte dell’Io all’altro. Purtroppo questo fenomeno sta interessando tutta l’informazione europea (e non solo), in quanto alcuni editori, pur di fare business a costi limitati, sono pronti a tutto, anche a disinformare i loro lettori. Il business? Già…

Le miei parole trovano conferma in un articolo pubblicato sulla rivista svedese Axsess, a firma di Lars Lönnroth. Non una persona qualunque, quindi. Ma un insegnante di letteratura che dal 1991 al 1993 ha diretto la sezione culturale del quotidiano svedese Svenska Dagbladet. La cultura, scrive Lönnroth, è diventata un lusso.

Per approfondire una notizia, ci vuole energia, che tradotto in termini moderni equivale a dire risorse umane. Ma non solo. Serve tempo, e quindi più soldi. A questo punto meglio il gossip che, oltre a far risparmiare capitali, addomestica le masse, rendendole ignoranti. La cultura, quella vera intendo, nobilita. Ci aiuta a pensare e ci fa trovare soluzioni nuove. Controproducente per alcuni, ma non per la nostra Testata che sta facendo della cultura il suo filo conduttore. Per noi, la cultura è l’anima delle altre sezioni, come l’attualità, la moda, i viaggi, l’economia.

Tutto è cultura. Tutto è sapere. Perciò, se la cultura (per cultura intendo lo scibile umano) dovesse ridiventare una prerogativa di un’elite di persone, tutta l’umanità sarebbe destinata a morire nello Spirito…

Maria Ianniciello

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento