Teatro, al Gobetti di Torino in scena Valentina Lodovini

quando nina ha smesso di cantare 2Quando Nina ha smesso di cantare. Questo il titolo dello spettacolo che andrà in scena al Teatro Gobetti di Torino (via Rossini 8) martedì, 30 aprile 2013, alle 19.30. Lo spettacolo di Darina Al Joundi  – realizzato con il supporto di Mohamed Kacimi El Hassani – è interpretato da Valentina Lodovini diretta da Giorgio Gallione. Le scene e i costumi sono di Guido Fiorato, le luci di Aldo Mantovani. Quando Nina Simone ha smesso di cantare resterà in scena al Gobetti, per la Stagione in Abbonamento del Teatro Stabile, fino al 5 maggio.

La storia – Darina irrompe nella stanza in cui viene vegliata la salma del padre, toglie l’audiocassetta del Corano e al suo posto mette Save me di Nina Simone. Con questo gesto ha inizio Quando Nina Simone ha smesso di cantare. Darina è una donna giovane e bella ma troppo libera in una Beirut tormentata dalla guerra, dove essere donne non è facile, ed essere libere è un sogno o, in alternativa, una condanna. Assim è suo padre. Un intellettuale laico in esilio, innamorato del jazz e della bella vita, che insegna alla figlia il piacere del buon vino, l’amore per la letteratura. Ma a Beirut è l’inferno: bombardamenti, massacri, fame, isolamento sono la quotidianità di una lunga, agonizzante guerra civile. L’unica legge è quella delle armi. Per gli adolescenti, la guerra e la sua adrenalina è una droga, come lo è l’hashish o il sesso che si fa per dimenticare l’orrore o la roulette russa, dove si rischia di morire per provare a sentirsi vivi. Darina sperimenta tutto fino in fondo ma, dopo la morte del padre viene rinchiusa dalla sua famiglia in manicomio: qui l’unico modo per sopravvivere è fingersi pazza e scrivere su fogli immaginari la propria storia. Quando Nina Simone ha smesso di cantare è un testo teatrale, poi divenuto romanzo scritto a quattro mani da Darina Al Joundi e Mohamed Kacimi, successo editoriale e teatrale in Francia, rivelazione del Festival di Avignone nel 2007, pubblicato in Italia da Einaudi nel 2009. Raccontata ad alta voce, Quando Nina Simone ha smesso di cantare è una storia cruda e tragicamente teatrale. Una storia scioccante, autobiografica che pagina dopo pagina, con grazia e determinazione, ricorda, denuncia, grida. Racconta la violenza e l’intolleranza, i bombardamenti e gli stupri, il sesso facile e disperato di tanti uomini goduti e consumati, le sfide con la morte, il dolore per il padre che ha perduto, il lutto per un paese bellissimo, il Libano, che si sta distruggendo a poco a poco, e da cui, purtroppo, si può solo fuggire. Ma alla fine del racconto Darina è in piedi: una donna fiera e piena di vita, pronta a regalarci la sua grande e irrefrenabile gioia di vivere.

L’attrice – Valentina Lodovini, giovane interprete dedita sia al teatro che al cinema. Esordisce nel film Ovunque sei di Michele Placido, e lavora con Paolo Sorrentino, Francesca Comencini ed altri importanti registi italiani. Recentemente ha vinto il David di Donatello come migliore attrice non protagonista per la sua interpretazione in Benvenuti al Sud.

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI