“Sotto una buona stella”: Verdone/Cortellesi? Un duo esplosivo…

sotto una buona stella“Sotto una buona stella” ha tutte le caratteristiche di una commedia teatrale non solo per le scenografie e i colori, tipicamente televisivi, ma per il contenuto che ricorda vagamente i drammi familiari del Teatro, anche se con sfumature diverse. La famiglia non è più intesa come luogo di protezione e rifugio, bensì come la fautrice di dissidi e incomprensioni tra i vari membri, che cercano invece all’esterno e nelle varie espressioni artistiche, come la musica e la poesia, la loro vera dimensione. Eppure il sessanta per cento delle scene è stato girato in spazi interni, forse perché i problemi, per essere risolti, vanno prima affrontati alla radice, partendo dai luoghi più intimi, laddove comincia la nostra storia. Le immagini di una Roma eterna e bellissima sono sporadiche e legate al contesto giovanile, probabilmente per sottolineare il dissidio amore/odio che i ragazzi provano per il Paese natio. Sotto-una-buona-stellaMa la città dopotutto è solo un dettaglio. Milano, Roma o Napoli non fa differenza, poiché il film racconta una storia universale: il protagonista è un padre, Federico Picchioni (Carlo Verdone), che ha lasciato i suoi due figli quando erano piccoli, pur provvedendo economicamente alle loro esigenze ogni mese con un assegno cospicuo. Federico ha tutto: amici, soldi, un impiego prestigioso e un legame con una donna molto più giovane di lui, ma proprio quando tutto sembra andare alla perfezione egli perde il lavoro, a causa di uno scandalo finanziario, e come se non bastasse muore la sua ex moglie. I suoi figli e la nipotina vanno a vivere con lui; la vita di Federico diventa un inferno a causa delle incomprensioni e battibecchi. Sarà una donna solare e divertente, Luisa Tombolini (Paola Cortellesi), a riportare armonia e serenità in casa Picchioni. Carlo Verdone, dunque, nella triplice veste di sceneggiatore, regista e attore, ritorna a occuparsi di temi sociali con personaggi che proprio grazie a eventi traumatici ritrovano se stessi, recuperando al contempo valori persi.  Inoltre, attraverso i disagi dei figli del protagonista, Verdone mette in risalto le problematiche giovanili di un’Italia che non lascia troppo spazio alle nuove generazioni.  “Sotto una buona stella” è una pellicola gradevole, in cui lo spettatore si riconosce. L’inedita coppia Verdone-Cortellesi? Un duo esplosivo che fa ridere e anche molto!

Il Trailer: http://youtu.be/syceCNxKVrk

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI