L’Opera va in scena sul grande schermo

festa operaE se l’Opera andasse in scena sul grande schermo? Questa l’idea di Microcinema Distribuzione, che per le giornate di domani e di martedì prossimo porta in numerose sale cinematografiche della penisola due opere di altrettanti geni italiani, ossia Puccini e Verdi. Un modo, verrebbe da dire, per avvicinare le opere liriche a un pubblico più ampio, che potrà godere di immagini in alta definizione e del Dolby Surround, comodamente seduto nelle poltroncine del cinema.

Due, come abbiamo detto, le serate in programma, a partire da quella di domani, martedì 28 maggio, quando sarà la volta della “Tosca” di Giacomo Puccini, per l’occasione diretta da Alberto Veronesi e con la regia di Riccardo Canessa. La vicenda è nota: siamo a Roma ed è il 1800. Angelotti, bonapartista ed ex console della Repubblica Romana evaso da Castel Sant’Angelo, si rifugia nella Chiesa di Sant’Andrea della Valle. Qui dipinge Mario Cavaradossi, amante della bella e gelosa cantante Floria Tosca, il quale si offre di aiutarlo e nascondersi. Ma sulle tracce di Angelotti c’è già il barone Scarpia, capo della polizia. Da qui il gioco di inganni tra i protagonisti, sino all’epilogo tragico.

Altra storia, invece, quella che sarà proiettata il prossimo martedì 4 giugno, quando l’opera protagonista delle sale cinematografiche sarà “La Traviata” di Giuseppe Verdi, diretta da Francesco Maria Carminati per la regia di Paolo Trevisi. Il dramma lirico, sicuramente tra i più noti di Verdi, narra la storia d’amore fra il giovane Alfredo e Violetta, bella e famosa mondana parigina, che per la prima volta si innamora sinceramente. Un amore, il loro, che viene però ostacolato dai pregiudizi del padre di Alfredo.

Per conoscere l’elenco completo dei cinema che aderiscono all’iniziativa è possibile consultare il sito www.microcinema.eu.

 

Commenti

commenti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI