I pirati dei Caraibi 5, la rinascita di Johnny Depp: recensione

I pirati dei Caraibi 5 recensione – Cialtrone, sopra le righe, velatamente sgarbato eppure così autentico nelle sue molteplici contraddizioni evidenziate dall’andatura oscillante, dallo sguardo profondo, dal sarcasmo mai fine a se stesso. Quando le cose si complicano c’è sempre lui che smorza le tensioni con una battuta a effetto e con doppi sensi che ci fanno sorridere. Jack Sparrow è uno dei personaggi più riusciti della Settima Arte. Senza di lui Johnny Depp non sarebbe il grande attore che è e, senza Depp, Sparrow non sarebbe il personaggio che è! I due si completano e si arricchiscono vicendevolmente. L’uno appartiene a un mondo fantastico, dove esistono fantasmi, streghe e pirati. L’altro è reale. Si tocca con mano!

I pirati dei Caraibi 5 recensione

Perché questo pirata piace così tanto? Merito dell’attore statunitense, sicuramente, che anche ne I pirati dei Caraibi 5 rinasce e si reiventa ma il merito va soprattutto alla capacità di Jack di non prendersi mai sul serio! Ironizza su se stesso, sugli altri, sulla malasorte e soprattutto prende in giro la morte. Lo fa molto bene nel quinto film della fortunata serie.

Ne I pirati dei Caraibi. La vendetta di Salazar, infatti, Sparrow deve sconfiggere nientemeno che la Morte, la quale lo insegue in mare, mentre in terra ferma gli dà tregua: il fantasma del passato riemerge dalle acque motivato da una folle vendetta. Ha il volto di Javier Bardem che interpreta Salazar. Jack è costretto a imbarcarsi dal figlio (Brenton Thwaites) di Will Turner (Orlando Bloom), colpito da un tremendo maleficio, e da un’astronoma (Kaya Scodelario) che viene accusata di essere una strega.

I pirati dei Caraibi 5 recensione

Ne I pirati dei Caraibi 5 gli spunti di riflessione sono tanti: dall’incapacità di andare oltre i nostri sensi, perché – si dice a un certo punto – se una cosa non si vede non è detto che non esista, all’importanza dei Padri nella nostra società e alla lotta tra scienza e superstizione. Tutti temi molto attuali. Il nuovo film coinvolge, diverte, appassiona e riporta Johnny Depp agli antichi splendori, che come Sparrow era un po’ in sordina!

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI