Campionato Pizza 2013, Emanuele Filiberto ospite d’onore
10 marzo 2013
Redazione (4050 articles)
Share

Campionato Pizza 2013, Emanuele Filiberto ospite d’onore

PizzaGli amanti della pizza (praticamente nessuno escluso, vista l’amore degli italiani per questa nota pietanza) saranno certamente contenti di sapere che è iniziato il conto alla rovescia per  la XXII Edizione del Campionato Mondiale della Pizza che quest’anno si svolgerà a Parma tra il 15 ed il 17 Aprile 2013. Un evento che riunisce le eccellenze e le professionalità del mondo della pizza. Fu nel 1889 che la pizza divenne un piatto amato non solo a Napoli ma in tutta l’Italia, unita sotto il tricolore da Re Vittorio Emanuele II nel 1861. Il panettiere napoletano Raffaele Esposito lavorava alla pizzeria “Pietro… e basta!” e decise di preparare tre pizze in onore della Regina d’Italia Margherita di Savoia in occasione del ventennale della nascita a Napoli del futuro Re d’Italia Vittorio Emanuele III. Esposito preparò tre pizze, una di queste aveva i colori della Bandiera Italiana, Bianco della mozzarella, Rosso del pomodoro e Verde del basilico. La Regina, che conosceva già la prelibata pietanza, scelse quella pizza proprio perché richiamava il Tricolore. Esposito battezzò questa pizza con il nome della regina, così nacque la “Pizza Margherita”. Quest’anno si vuole sottolineare l’importanza della Tradizione per questo piatto straordinario e per questo l’Ospite d’Onore del Campionato Mondiale della Pizza sarà Emanuele Filiberto di Savoia che ha commentato così la sua presenza: «Sono molto felice di poter partecipare al Campionato Mondiale della Pizza giunto alla XXII edizione. Un evento internazionale che celebra l’importanza del piatto italiano più amato al mondo che la storia lega alla mia trisavola Margherita Prima Regina dell’Italia Unita a cui la Pizza Margherita fu dedicata nel 1889. E’ anche un momento importante in cui va giustamente riconosciuta l’importanza della pizza e del suo indotto nel sistema economico italiano in Patria e all’estero». La manifestazione rappresenta e valorizza il piatto più amato e trasversale al mondo attraverso un’intensa 3 giorni di gare e manifestazioni collaterali. La manifestazione funge inoltre da punto di riferimento e d’incontro per l’imprenditoria del settore, che guarda al Campionato Mondiale come un punto di osservazione unico e privilegiato rispetto alle novità ed ai potenziali futuri trend del comparto. La serata finale, mercoledì 17 aprile, prevede la presenza di Emanuele Filiberto di Savoia nel pomeriggio e alla Cena di Gala in cui si celebreranno i nuovi Campioni del Mondo.

Principe Emanuele Filiberto di Savoia

Principe Emanuele Filiberto di Savoia

L’evento – E’ la manifestazione più importante e conosciuta a livello internazionale e richiama pizzaioli ed addetti ai lavori provenienti da tutto il mondo: dalla Cina al Giappone, passando per l’Africa, il Medio Oriente, l’Australia, il Canada e gli Stati Uniti. Lo scorso anno sono stati circa 450 i partecipanti con più di 10 categorie in gara. Un evento dal profilo marcatamente internazionale che quest’anno sta registrando un +26 per cento sulle iscrizioni rispetto al 2012. Una delle grandi novità della 22esima edizione è “Tranci di Storia”, prima Mostra Internazionale della Pizza, in cui ripercorre la storia antica e tradizionale del piatto italiano più amato al mondo. La Mostra è realizzata grazie allo straordinario repertorio di pezzi unici raccolti negli anni da Renato Margarit fondatore della Lilly Codroipo, azienda leader mondiale nel settore delle attrezzature per la pizza. La raccolta straordinaria di Renato Margarit è unica al mondo, si può dire che nella sua collezione sia riassunto l’eccezionale viaggio nella storia della pizza. Tra i pezzi più interessanti troviamo prototipi di pale da pizza, dalle prime realizzate in ferro, pesantissime ma efficaci, a quelle in legno, per proseguire con i primissimi registratori di cassa meccanici utilizzati dalle prime pizzerie e i porta pizza che venivano tenuti sui banconi delle pizzerie d’asporto e utilizzati per tenere calde le pizze. Alcuni pezzi sono invece molto curiosi, come i prototipi dei primi taglia mozzarella, strumenti utilizzati per fare a piccoli pezzi la mozzarella in modo da renderla agevolmente utilizzabile per la pizza. Molti i piccoli pezzi di minuteria utilizzati per facilitare la realizzazione della pizza prima che la tecnologia venisse in soccorso dei Maestri Pizzaioli. A far da cornice a questo percorso una collezione di foto d’epoca che ritraggono le prime pizzerie, pizze e pizzaioli. La Mostra sarà realizzata anche con il contributo fotografico fornito da altre prestigiose aziende quali il Molino Agugiaro e Figna, la storica azienda Greci Prontofresco, i produttori di forni Cuppone e Marana.

Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.