L’olio essenziale di Cipresso: tutte le proprietà e gli usi

Guarda la Natura e capirai te stesso. L’olio essenziale di Cipresso è un concentrato di principi attivi che portano benefici tuttavia è importante sottolinearlo: non è indicato per tutti. Quando uso un olio essenziale, in aromaterapia, mi chiedo sempre quali caratteristiche porta con sé e se è adatto alla persona che mi ha chiesto aiuto. Gli oli essenziali sono legati all’elemento fuoco, ma al contempo ciascuno ha proprietà specifiche.

L’olio essenziale di Cipresso è estratto dalle foglie dei rametti giovani del Cupressus sempervirens e proviene dal bacino del Mediterraneo. Come ci insegnavo gli antichi alchimisti, quando prendiamo un rimedio assumiamo le caratteristiche della pianta o del minerale da cui è estratto. Di conseguenza sappiamo che il Cipresso si trova spesso nei cimiteri, quindi è simbolo dell’immortalità e ancora una volta la sua storia si intreccia con la mitologia in un circolo di simboli e leggende uniche che ci rimandano alle radici della nostra esistenza facendoci cogliere più significati.

L'olio essenziale di Cipresso

L’olismo, dopotutto, è proprio questo. Il mito narra che Ciparisso (da cui deriva il nome Cipresso) uccise inavvertitamente un cervo amato da tutti; il giovane morì per il senso di colpa però non prima di aver chiesto ad Apollo di diventare, dopo la sua dipartita, l’immagine dell’immortalità e difatti il dio lo trasformò in uno splendido Cipresso. Nell’antica Roma consideravano quest’albero – che non a caso è sempre verde e si eleva verso l’alto, mantenendo salde le sue radici – sacro a Plutone, dio degli inferi per i Romani. Veniva venerato per le sue proprietà antisettiche note anche agli Egizi, i quali deponevano le loro mummie in sarcofagi di Cipresso.

L’olio essenziale di Cipresso è estratto, come accennato, dalle foglie giovani, cioè dalla parte più volatile della pianta ed ha un colore tendenzialmente giallo; il suo profumo è balsamico. Le proprietà di questa essenza ne fanno una panacea contro le vene varicose per le sue peculiarità vasocostrittrici.

L'olio essenziale di Cipresso

Nello specifico l’olio essenziale di Cipresso ha proprietà balsamiche, toniche per la vescica, tossifughe, astringenti, mucolitiche, diuretiche, antinfiammatorie, antireumatiche, cicatrizzanti. Dalle tenebre ci conduce alla luce tanto da ritenerlo simbolo di fertilità. Come si può usare? Per massaggi, inalazioni, bagni, impacchi freddi e caldi, suffumigi ma attenzione: ad alte dosi può provocare capogiri e vampate, quindi affidatevi ad un esperto.

Adatto per curare le emorroidi, le varici, le flebiti, i gonfiori agli arti inferiori, la tosse secca, la pertosse… può essere usato (in caso di emorroidi, fragilità capillare e altri problemi alla circolazione venosa) in questo modo: aggiungi un massimo di due gocce di olio essenziale di Cipresso (mi raccomando biologico e puro al 100 per cento) ad una crema base o al gel di aloe vera; poi applica sulla parte interessata. N.B. Questo articolo non è di natura medica e non sostituisce consulti di nessun genere, perché ha solo carattere informativo.

Maria Ianniciello, naturopata e giornalista pubblicista
Mi trovi su facebook, Istangram, Twitter, Youtube e sul mio sito www.mariaianniciello.it. Puoi richiedere una consulenza contattando la redazione di Cultura & Culture: direttore@culturaeculture.it

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento