Burro di Karité: proprietà e crema viso idratante fa da te

Ho scoperto da un annetto circa il burro di Karité, le cui proprietà sono riconosciute e acclarate. Lo uso soprattutto sui capelli, prima dello shampoo insieme all’olio di semi di lino, per idratarli, ma è indicato anche per la pelle, per le labbra e per le mani.

Contiene acidi grassi nonché vitamine A, D ed E che è l’antiossidante per antonomasia. In cosmetica è usato per stimolare la produzione di collagene ed elastina, dando elasticità e tonicità alla pelle.

burro di karaté

 

Il burro di Karité è un valido alleato contro le rughe, la secchezza cutanea, le irritazioni, gli eritemi e gli arrossamenti. Ha proprietà elasticizzanti ed è indicato nel trattamento di traumi ma non va applicato su tagli e ferite.

Come tutti gli oli vegetali, anche il burro di Karité è collegato in Medicina Cinese all’elemento fuoco, quindi dona vitalità ed energia perché il movimento di questo importante elemento è mobile, dinamico, scintillante, energico, cromatico, calorico, presente, vivace, fecondo, purificante, creatore. E` simbolo di forza evolutiva.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

[blockquote style=”1″]Leggi l’articolo sull’olio di Jojoba [/blockquote]

E non è un caso che il burro di Karité arrivi dall’Africa centrale, il continente più caldo del pianeta, ed è estratto dai semi della Vitellaria paradoxa, un albero che arriva a toccare i quindici metri di altezza. Si usa in cucina come condimento e in cosmetica.

Come ho scritto, lo uso insieme all’olio di semi di lino per un impacco pre shampoo ma può essere utilizzato anche come ingrediente base per realizzare un’emulsione viso idratante. Di seguito la ricetta.

Crema viso super idratante

5 grammi di burro di Karité

3 grammi di cera d’api

40 grammi di olio di mandorle dolci

20 grammi di olio di jojoba

30 grammi di acqua distillata

9 gocce di estratto di semi di pompelmo

Sciogli a bagnomaria il burro di Karité e la cera d’api. Unisci gli oli vegetali e, senza farla bollire, riscalda l’acqua distillata a parte. Nel momento in cui i grassi e l’acqua sono alla stessa temperatura unisci a filo l’acqua. Frulla il tutto fino a che il prodotto non si raffredda e poi aggiungi i semi di pompelmo. Usa la crema ottenuta la sera e la mattina. (Fonte della ricetta il libro Cosmetici naturali fai da te, edizioni Riza)

 

Burro di Karitè
Spremuto a freddo da noci di karitè

Voto medio su 38 recensioni: Buono

€ 7

 

 

Maria Ianniciello, naturopata e giornalista pubblicista
Seguimi sui social e sul mio sito personale www.mariaianniciello.it

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Naturopata ad indirizzo psicosomatico. Aromaterapeuta. Diplomata in Naturopatia presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica. Lavora sia in gruppo che individualmente con consulenze naturopatiche e sedute di aromaterapia. Giornalista pubblicista. Scrive di benessere, aromaterapia, motivazione al femminile, LifeStyle. Ama la Cultura, in particolare il cinema. Lettrice vorace. Si è laureata in Lettere nel 2005 presso la Seconda Università di Roma con il massimo dei voti.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI