I luoghi delle Grande Guerra, in tour da Gorizia alla Slovenia

@ www.estoria.it
@ www.estoria.it

Un tour a bordo di un autobus storico-turistico che attraverso Gorizia e la Slovenia conduce verso la scoperta dei luoghi simbolo della Grande Guerra. È in programma per domani, sabato 15 febbraio, il primo itinerario del nuovo anno di èStoriabus, l’iniziativa parte del progetto Carso 2014+ che propone una serie di percorsi attraverso i luoghi della Prima Guerra Mondiale, così da ricordare, esattamente cento anni dal suo scoppio, le battaglie che hanno segnato la nostra memoria collettiva. Promosso dalla Provincia di Gorizia e organizzato dall’associazione èStoria, il programma 2014 di èStoriabus propone ancora quattro appuntamenti, a partire da quello fissato per domani.

ossario oslavia
Ossario di Oslavia

GLI ITINERARI IN PROGRAMMA – Si intitola “Gorizia nella Grande Guerra” ed un percorso, commentato storicamente da Lucia Pillon, che partirà dal sottopasso intitolato ad Aurelio Baruzzi, sottufficiale romagnolo che nell’agosto del 1916 riuscì a entrare come primo italiano a Gorizia. In seguito il tragitto si snoderà tra l’Ossario di Oslavia, i monumenti alla VI Battaglia dell’Isonzo, a Enrico Toti e al Fante d’Italia e il Parco della Rimembranza, realizzato in memoria delle vittime della guerra. A chiudere l’itinerario ci penseranno il monumento a Gabriele D’Annunzio e la visita al Museo della Grande Guerra di Gorizia (luogo e orario di ritrovo: piazzale Martiri della Libertà d’Italia di Gorizia, ore 9).

Sacrario Militare di Oslavia
Sacrario Militare di Oslavia

Ma accanto all’appuntamento di sabato, il cartellone degli itinerari proseguirà il 15 marzo, quando a partire dalle 8.30 si terrà la visita (commentata da Pierluigi Lodi) a uno dei luoghi più simbolici della Grande Guerra, ossia l’altopiano di Asiago, dove sorge uno dei maggiori sacrari militari italiani: il Sacrario militare di Asiago-Leiten. Luogo di riposo per più di cinquantamila salme italiane e austroungariche, il sacrario ospita un museo che raccoglie ed espone cimeli rivenuti proprio sull’Altopiano. Il Piave e i suoi sacrari saranno, invece, i protagonisti del terzo itinerario in programma, quello che si terrà sabato 29 marzo, sempre a partire dalle 8.30. Un percorso, questo, che seguirà il corso del fiume Piave e che farà tappa dapprima a Cima Grappa e al suo famoso ossario “Nave del Grappa” e in seguito a Nervesa della Battaglia e a Fagarè della Battaglia, entrambi luoghi di commemorazione degli eventi bellici. (In caso di maltempo il programma prevede la visita al Museo della Grande Guerra di Fontigo). A chiudere il ciclo di tour sarà quello intitolato “La Grande Guerra sulla Bainsizza”, fissato per sabato 12 aprile alle 9. Questa volta toccherà, quindi, all’itinerario sulla Bainsizza, l’altopiano a nord di Gorizia teatro di una delle più impegnative offensive dal generale Cadorna: l’undicesima battaglia dell’Isonzo. In programma la visita alla fontana monumentale di Grgarske Ravne (opera degli austriaci) e al cimitero militare di Grgar.

Info: www.estoria.it

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI