Il Pompidou approda in Spagna. Ad accoglierlo sarà Malaga

cubo malagaÈ uno dei musei di arte moderna e contemporanea più famosi del mondo ed entro il 2015 aprirà una sede staccata in Spagna, precisamente a Malaga. Stiamo parlando del Centre Georges Pompidou di Parigi, il centro culturale che con i suoi tubi multicolore e i condotti a vista è impresso nella memoria di chiunque abbia visitato Parigi dalla fine degli anni Settanta ad oggi. A quasi quarant’anni dalla sua inaugurazione, il museo parigino intende oggi aprire una nuova sede: dopo l’esperimento a Metz, in Lorena, dove nel 2010 ha visto la luce il Centre Pompidou-Metz, entro il prossimo anno sarà la volta della città dell’Andalusia. È prevista per il 2015, infatti, l’apertura ufficiale del nuovo centro, che troverà posto all’interno dei 6.300 metri quadrati del Cubo di Puerto Muelle Uno, l’edificio in vetro che si affaccia proprio sul porto di Malaga.

Un protocollo d’intesa, quello siglato tra la città andalusa e il museo parigino, della durata di cinque anni rinnovabili e che dovrebbe portare stabilmente in Spagna una settantina di opere provenienti da Beaubourg, cui si aggiungeranno le immancabili esposizioni temporanee. Il tutto per la cifra di un milione di euro all’anno: un investimento nel settore della cultura che il sindaco di Malaga, Francisco de la Torre, commenta affermando che «si tratta di un’ottima notizia. L’imminente inaugurazione – prosegue – consolida il progetto strategico della città, tra le altre cose volto a rafforzare la sua offerta culturale. Questo evento non riguarda solo Malaga: si tratta – conclude – di un’iniziativa di portata nazionale».

@ fanpage Centre Pompidou
@ fanpage Centre Pompidou

IL CENTRE POMPIDOU – Voluto nella seconda metà degli anni Settanta dal presidente francese George Pompidou, il centro parigino è stato realizzato da un team di architetti tra cui Renzo Piano e ospita al suo interno opere di artisti che hanno fatto la storia dell’arte del secolo scorso, da Georges Braque a Marc Chagall, passando per Henri Matisse, Pablo Picasso o Vassily Kandinsky. Pensato per celebrare l’arte moderna e contemporanea, negli anni il Centre Pompidou si è affermato come grande centro culturale capace di dare spazio al design, al cinema, alla musica e all’editoria, tanto che nelle sue sale trova spazio anche la Bibliothèque publique d’information. Un contenitore multidisciplinare, quindi, quotidianamente arricchito da proiezioni, conferenze e spettacoli.

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Valentina Sala

Valentina Sala
Giornalista pubblicista. Tra i suoi campi di interesse soprattutto viaggi e cultura. Dopo una laurea di primo livello in Scienze della Comunicazione consegue la specialistica in Editoria con il massimo dei voti e con una tesi sul rapporto tra letterati e città, ricostruendo la Parigi di Émile Zola e la Vienna di Joseph Roth. Collabora con più giornali e riviste e affianca alla professione giornalistica quella di insegnante di Psicologia della Comunicazione. Tra le sue passioni i romanzi capaci di raccontare un luogo e un’epoca, i film di François Truffaut, il buon cibo, le città europee e, soprattutto, il viaggio inteso come modo per scoprire e confrontarsi con realtà diverse.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI