Il Giardinaggio che rigenera: la mia vita senza iPhone
15 giugno 2017
Maria Ianniciello (1208 articles)
Share

Il Giardinaggio che rigenera: la mia vita senza iPhone

La mia vita senza iPhone, terzo giorno seconda settimana – Quando mi sono messa i guanti da giardinaggio, stentavo a crederci. Mi guardavo e non mi riconoscevo. Poi avevo indossato anche gli stivali, sempre da giardino, acquistati in un negozio di bricolage l’anno scorso. Ne ho fatto largo uso, vivo in campagna e ho la necessità di pulire il pavimento esterno quasi tutti i giorni. Poi la mia Laila (Pastore Tedesco di un anno) mi fa compagnia e quindi la faticaccia diventa piacevole oltre ad essere utile per i miei muscoli – atrofizzati da un quinquennio trascorso al computer – e alle mie ossa che scricchiolano. Brutto dirlo a trentacinque anni, ma è così!

In realtà per cinque lunghi anni mi sono mossa poco perché la mia professione di redattrice culturale mi ha costretto a una sedentarietà nociva! Con la Naturopatia ho riscoperto la bellezza di piccoli momenti trascorsi in campagna, muovendomi molto e queste sensazioni, rievocate dal giardinaggio, si sono accentuate in questi giorni senza iPhone.

Giardinaggio

Ieri, sul tardo pomeriggio, prima del tramonto, guardando i guanti, la pala, la zappa e il rastrello, ho riso a crepapelle. Come non ridevo da anni. Ero sola. Laila mi guardava curiosa e accorta, con la testolina piegata sul lato destro. «Se mi vedesse mio padre!», ho esclamato prima di mettermi all’opera. Poi, ho tolto le erbacce in una zona del mio giardino e, quando ho finito, tutto il mio corpo si sentiva rinato. Ero stanca ma la mia stanchezza era rigenerante. Come se l’energia finalmente fluisse liberamente in tutte le zone dell’organismo e stamattina ero riposata. Fresca come una rosa.

E` lo stress che ci ammazza, non il lavoro; è quella pretesa di essere sempre al cento per cento, non le cose che facciamo a renderci sofferenti. Anzi, il movimento diventa salutare se sappiamo cogliere nelle nostre attività quella bellezza collaterale che avvolge ogni cosa. Ero felice. In pace. Stanca ma soddisfatta mentre il giorno volgeva a termine lasciando spazio al buio. La mia vita senza iPhone è una continua sorpresa. Grazie al giardinaggio sto riscoprendo altre parti di me.

PRIMA SETTIMANA

SECONDA SETTIMANA

Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Direttore responsabile e coeditrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Presenta spettacoli vari (sfilate e concerti) e modera convegni. Su Cultura & Culture, oltre a occuparsi di libri, attualità e arte, è responsabile della sezione Cinema.

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.