Come guadagnare soldi ed essere felici

Nell’articolo precedente di Migliora la tua vita abbiamo elencato i tre modi con cui si formano le nostre credenze a proposito del denaro; adesso le esamineremo nel dettaglio.

  • Programmazione verbale. Si tratta di  tutte quelle affermazioni che abbiamo ascoltato durante la nostra infanzia a proposito dei soldi, come per esempio: “Il denaro è l’origine di tutti i mali” oppure “I ricchi sono criminali” o ancora “Bisogna lavorare sodo per fare soldi”;  solo per dirne alcune.
@fotolia
@Fotolia

Ora, queste frasi pronunciate dalle persone più importanti durante la nostra crescita, quali per esempio i nostri genitori, sono accettate come linee guida dal nostro inconscio  e influenzeranno il nostro rapporto con il denaro. Questo spiega i numerosi casi di vincitori alla lotteria che nel giro di poco tempo rimangono senza soldi e anche quelli di numerosissime persone in grado di guadagnare molto denaro ma allo stesso tempo capaci di sperperarlo totalmente. In entrambi gli esempi questi individui sono stati programmati fin da piccoli ad allontanare il successo economico e a tal proposito vi descrivo una storia tratta dal libro La mente milionaria di T. Harv Eker. L’autore racconta la storia di un uomo capace di guadagnare più di 800mila dollari l’anno, ma anche di rimanere sempre al verde. Questo gli accadeva perché da piccolo la madre gli diceva che i ricchi sono avidi, per cui il suo inconscio, spinto dal senso di colpa, lo portava a perdere tutto il denaro pur di non tradire le parole del genitore. L’uomo, lavorando su se stesso, capì che la sua cattiva gestione finanziaria era dovuta alle parole della madre e, attraverso alcune tecniche particolari, riuscì a dissociarsi da tali paradigmi e a capire che, con il denaro, poteva rendere felice la madre, la quale aveva avuto lei stessa una cattiva esperienza. Infatti, le regalò  una casa alle Hawaii con vista sull’oceano che la rese felicissima.  Una regola della ricchezza, ma si può allargare a molti più ambiti, è che la nostra mente fra le emozioni profondamente radicate e la logica, quasi sempre opta per le prime.

  • Modeling. La tendenza a identificarsi con uno dei genitori e a seguirne i comportamenti. Tale identificazione interessa anche la sfera economica: le scelte lavorative, gli investimenti e la tendenza a risparmiare o a spendere troppo sono il prodotto, nella maggior parte dei casi, di comportamenti acquisiti. Spesso succede di disapprovare completamente i comportamenti di coloro che ci hanno allevato, facendo l’opposto di quello che hanno fatto loro. In questo secondo caso, se si ottengono grossi risultati economici per rivalsa nei confronti dei propri cari, nel momento di massima realizzazione generalmente non si è mai del tutto felici perché la spinta a raggiungere questi risultati non è la passione bensì l’odio o il rancore. Queste sensazioni non possono mai farci stare bene.
  • Accadimenti specifici. Essi non sono altro che le esperienze personali, vissute in particolare nel corso dell’infanzia o durante l’adolescenza. Anche in questo caso il risultato di queste vicissitudini determinerà i comportamenti successivi. Un fatto negativo potrebbe aver condizionato il nostro rapporto con i soldi.

Il ricondizionamento neuronale – Ricordate! Tutto quello che vi è capitato deve rimanere nel passato; quanto è accaduto può riflettersi nel futuro solo se glielo permettete. Qualsiasi errore o cattiva esperienza in fatto di denaro può capitare a chiunque, ma credere per questo di non saper gestire i soldi nel momento presente è una scelta. In conclusione, per migliorare il vostro rapporto con il denaro, è indispensabile capire in che modo e da chi siete stati influenzati, perché i risultati economici da voi raggiunti dipendono probabilmente da riferimenti passati. Seconda cosa, potete annotare gli effetti che questi comportamenti hanno determinato nella vostra vita finanziaria e potete decidere di essere una persona diversa, sotto il profilo economico, lasciando andare pensieri e atteggiamenti che non vi appartengono. Infine, vi consiglio di lavorare costantemente sull’autostima con affermazioni positive che vi fanno sentire capaci di possedere e gestire il denaro. Insomma è importante rieducare l’inconscio con nuove informazioni.

 

Carmine Caso

 

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

 

Padre Ricco Padre Povero
Quello che i ricchi insegnano ai figli sul denaro
€ 12.5

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Carmine Caso

Carmine Caso
Carmine Caso è editore di Cultura & Culture. Dopo la maturità scientifica, si è laureato in Conservazione dei Beni Culturali al Suor Orsola Benincasa (Laurea Vecchio Ordinamento). Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Ama il Cinema, l'Arte e la lettura. Su Cultura e Culture gestisce la rubrica/blog "Migliora la tua vita", uno spazio dedicato al miglioramento personale.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI