Siria: 8.000 bambini deceduti dallo scoppio del conflitto
25 aprile 2013
Redazione (4056 articles)
Share

Siria: 8.000 bambini deceduti dallo scoppio del conflitto

250px-Siria-MappaSono numeri davvero allarmanti quelli comunicati dall’Unicef e relativi ai bambini morti in Siria in questo conflitto. Stando alle cifre divulgate proprio dal Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia, pare infatti che si stia assistendo a un massacro di enormi proporzioni: 8.000 bambini deceduti dall’inizio della guerra civile ad oggi.

«Non abbiamo conferme ufficiali – afferma Andrea Iacomini, portavoce dell’Unicef – ma non c’è dubbio che se quelle appena fornite dell’Osservatorio nazionale siriano per i diritti umani corrispondono a verità, ossia 8000 bimbi morti negli ultimi 700 giorni, siamo di fronte ad un dato aberrante e “storico” nella sua crudeltà che non vorremmo mai aver sentito e che dovrebbe scioccare il mondo intero».

Una situazione davvero drammatica e che, almeno per il momento, non sembra destare tanta attenzione quanta ne meriterebbe. «Da mesi – prosegue Iacomini – ripetiamo disperatamente che è ora di dire basta a questo massacro. Lo hanno ribadito anche i vertici di UNHCR, WFP, OCHA e UNICEF nelle ultime ore. In Siria ci sono 6 milioni di persone colpite dal conflitto di cui 3 milioni sono bimbi cui è stato tolto tutto. Se a loro aggiungiamo 1,3 milioni di rifugiati presenti nei paesi limitrofi, di cui la metà bambini, viene da chiedersi come sia stato possibile accettare a distanza di anni un’altra “Bosnia” o un altro “Ruanda”.

Mi auguro – precisa – che il prossimo Governo e, in particolare, il futuro Ministro degli Esteri si facciano carico presso le cancellerie del mondo del grido di dolore e di pace che viene dai bambini siriani e che si giunga quanto prima a un cessate il fuoco, ricordando che qualunque guerra, a qualunque latitudine, è una guerra contro i bambini. Non possiamo più accettare – conclude – una strage di innocenti come quella in corso».

 

Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.