30 aprile 2012
Redazione (4050 articles)
Share

Si finge uomo per non morire. La doppia vita di Nadia ne “Il segreto del mio turbante”

Una storia affascinante e ricca di colpi di scena quella raccontata in “Il segreto del mio Turbante” con un sottotitolo sconvolgente: “Storia vera di una ragazza afgana e del segreto che le ha salvato la vita”, edito in Italia dalla Sperling & Kupfer. Gli autori, anzi le autrici, sono Nadia Ghulam e Agnès Rotger. 

Contenuto
L’arrivo dei talebani a Kabul sconvolge la vita di Nadia, bambina di pochi anni: l’economia è al collasso e le condizioni di estrema insicurezza in cui si trova la maggioranza della popolazione precipitano con l’esplosione di una bomba che distrugge la casa della famiglia di Nadia. Quando alcuni poliziotti uccidono il fratello maggiore, Zelmai, il padre della bambina impazzisce e la piccola, il cui volto è rimasto sfigurato durante l’incendio della casa, capisce di dover trovare il sistema per poter mantenere la madre e le sorelline appena nate. Ha solo otto anni, ma si rende conto che il matrimonio le sarà precluso e che l’unico modo per poter lavorare e guadagnare qualche soldo è quello di fingersi un maschio, un ragazzino. Nadia prende il nome del fratello Zelmai e negli anni affronta la fatica e il pericolo di umilianti e difficili incarichi. Con la caduta del regime, si iscrive a una scuola femminile, lontana da casa, e comincia una doppia vita, Nadia a scuola e Zelmai al lavoro e in famiglia, dove ormai la considerano un maschio.

Le autrici
NADIA GHULAM nasce a Kabul nel 1985. Dopo aver vissuto per vent’anni nel suo Paese, trova rifugio in Catalogna grazie a una ONG.

 

 AGNÈS ROTGER, giornalista, ha collaborato con diverse testate prima di diventare direttrice delle case editrici Pòrtic e Mina.
Tags Attualità
Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.