Napolitano di nuovo presidente della Repubblica

 

 

©Franco Buttaro
©Franco Buttaro

 

 

Ore 20.10 – Grillo non potrà essere in piazza. La notizia è di alcuni minuti fa. Intanto Renzi da Firenze ha dichiarato: «Le parole di queste ultime ore pronunciate da Grillo fanno preoccupare, sono ridicole. Ma costringono la politica ad agire».  «Il Parlamento non è stato – ha continuato Renzi – a eleggere un nuovo presidente, quindi i partiti sono stati costretti a chiedere a Napolitano di accettare un secondo mandato».

Ore 20 – E’ in programma una manifestazione in Piazza del Popolo, alla quale parteciperà anche Beppe Grillo che dovrebbe arrivare a Roma alle 22.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Ore 20 – «Esprimo un forte ringraziamento al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano». E’ quanto afferma in una nota il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso. «La sua disponibilità ad accettare la candidatura alla più alta carica dello Stato – prosegue il numero uno del sindacato di corso d’Italia – è stato un gesto di grande responsabilitàistituzionale e di grande generosità di cui l’intero Paese deve essergli grato».

«Oggi più che mai – dice ancora Susanna Camusso -, in una situazione economica e sociale così segnata da drammatiche emergenze, la sensibilità che il Presidente ha sempre avuto ai temi dell’equità e della giustizia sociale, la sua costante preoccupazione per le crescenti diseguaglianze, per l’aumento della disoccupazione, in particolare tra i giovani, e per l’allargarsi della povertà nel nostro Paese, gli saranno di aiuto nelle future e impegnative scelte che dovrà affrontare». La leader della Cigl prosegue affermando: «Mi auguro che il Presidente Napolitano saprà interpretare e sapràessere garante della ripresa e del rilancio dell’economia, della lotta alle diseguaglianze, dell’attenzione ai deboli, dell’avanzamento civile del Paese con la rifondazione del sistema politico e istituzionale all’interno di un’Europa politicamente forte e solidale».

 

Ore 19.40 – Il presidente della Camera e del Senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso, si sono recati in Quirinale per comunicare al Capo dello Stato la rielezione. Giorgio Napolitano ha appena dichiarato: «Auspico che tutti sappiano rispettare gli impegni futuri, guardando alla difficile situazione del Paese». Napolitano ha ringraziato inoltri i presidenti di Camera e Sanato  e la stampa.

Ore 18.30 – Giorgio Napolitano è il dodicesimo presidente della Repubblica. Il Capo dello Stato uscente ha accettato di rimanere per altri sette anni al Quirinale. Dopo due giorni convulsi e ben cinque fumate nere, il Parlamento a Camere riunite ha rieletto con 739 voti Napolitano come Capo dello Stato che ha raggiunto e superato il quorum. Molte le proteste da parte dei militanti del Movimento 5 Stelle e di altri cittadini che si sono radunati in piazza Montecitorio.  I manifestanti, al raggiungimento del quorum, hanno urlato: «Buffoni, buffoni. Fuori, fuori». Anche dentro l’aula molte le proteste che si sono mescolate agli applausi. Dopo sette anni di mandato dunque viene rieletto, in seguito a molti colpi di scena, dalle dimissioni del segretario Pierluigi Bersani e di Rosi Bindi alla mancata elezione di Franco Marini e Romano Prodi. Questa mattina Napolitano ha accettato l’incarico, proposto da Lista Civica, Pd e Pdl.

In una nota proprio questa mattina Napolitano aveva affermato: « Nella consapevolezza delle ragioni che mi sono state rappresentate, e nel rispetto delle personalità finora sottopostesi al voto per l’elezione del nuovo Capo dello Stato, ritengo di dover offrire la disponibilità che mi è stata richiesta. Naturalmente, nei colloqui di questa mattina, non si è discusso di argomenti estranei al tema dell’elezione del Presidente della Repubblica. Mi muove in questo momento il sentimento di non potermi sottrarre a un’assunzione di responsabilità verso la nazione, confidando che vi corrisponda una analoga collettiva assunzione di responsabilità».

E mentre Grillo grida al colpo di Stato, Rodotà dichiara: «Le decisioni del Parlamento sono democratiche».

 

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Carla Cesinali

Carla Cesinali
Carla Cesinali su Cultura & Culture si occupa di politica, di spettacoli, di arte.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI