12 novembre 2012
Redazione (4050 articles)
Share

MAFIA, SUCCESSO DEL FESTIVAL DEI BENI CONFISCATI

© Lamio – Fotolia.com

Hanno visitato gli immobili utilizzati dalla criminalità organizzata scoprendo che cosa si faceva prima che venissero confiscati dallo Stato e affidati al Comune e quali attività ospitano adesso che sono stati assegnati, per finalità sociali, ad associazione non profit ed enti.  Hanno seguito la presentazione dei libri con storie di mafia e di mafie, alcune delle quali legate proprio a Milano. Hanno partecipato ai concerti di Fondazione Milano e agli spettacoli nella “discoteca delle cosche“ all’Ortomercato e alla eccezionale partita di rugby con una trentina di bambini temerari che sotto l’acqua si sono sfidati questa mattina nel “riconquistato” centro sportivo comunale di via Iseo, più volte danneggiato per ritorsione (l’ultimo atto, un incendio doloso, giusto un anno fa). Ma soprattutto hanno ascoltato con grande partecipazione le parole del Procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso, di Nando Dalla Chiesa, Presidente onorario di Libera e di Livia Pomodoro, Presidente del Tribunale di Milano che dall’Aula consiliare di Palazzo Marino, nella serata di venerdì 9, hanno riaffermato l’impegno delle istituzioni e della società civile contro la criminalità organizzata e in favore della promozione della cultura della legalità a Milano e nel resto del Paese.

Questo in sintesi è stato il primo Festival dei beni confiscati alle mafie per le centinaia di milanesi che da venerdì ad oggi hanno potuto partecipare a più di 90 eventi in tutta la città. La Lombardia è la quinta regione per beni confiscati (oltre 800) dopo Sicilia, Campania, Calabria e Puglia, la terza se si considerano le sole imprese. A Milano i beni sequestrati sono stati finora 300 e 130 di questi sono stati trasferiti al Comune che li ha assegnati per aiutare anziani, giovani, famiglie in difficoltà e persone con disabilità.

Soddisfatto per la riuscita della manifestazione l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino, che rilancia l’idea di un evento a livello nazionale: «Questa tre giorni ci ha mostrato l’interesse della gente per le vicende legate ai beni confiscati alla criminalità organizzata e per tutte le attività che oggi si svolgono negli immobili sottratti alle mafie – ha commentato – La loro partecipazione, che ha coinvolto moltissimi anche tra bambini e ragazzi, è il messaggio migliore che la nostra città può dare a sé e al resto d’Italia. È l’affermazione di un sistema organizzato di legalità emerso da questo primo Festival che potrebbe diventare, con la partecipazione di tutti, un evento condiviso dall’intero Paese».

Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.