Le regole del caos: trailer, trama e recensione

Trama e recensionele-regole-del-caosPuò il caos avere delle regole ben precise? E come può il disordine essere più apprezzato dell’ordine in una società d’ipocriti, dove vigono le norme del non detto e dove l’apparire è più importante dell’essere sia nel privato sia nel pubblico? Le regole del caos – film uscito al cinema il 4 giugno 2015 – ruota proprio intorno a questi interrogativi. Il campo d’azione si sposta sul finire del 1600, quando il Barocco lasciava spazio al Rococò, servendosi sempre delle norme classiche tanto care ai Maestri dell’Umanesimo e del Rinascimento. Madame Sabine De Barra (Kate Winslet) è un’artista del giardinaggio che viene ingaggiata per realizzare una parte dei bellissimi giardini di Versailles. A sceglierla è il giardiniere più apprezzato del tempo, André Le Notre (Matthias Schoenaerts). Sabine si ritrova così a frequentare la corte di Luigi XIV, interpretato proprio dal regista Alan Rickman, e ad allontanare così i fantasmi del passato che la infastidiscono quotidianamente. Nel film l’amore sana le ferite dell’anima, rendendo giustizia a questa donna temeraria che usa la creatività, dote tipicamente femminile, per esprimere il proprio talento. Le regole del caos è un film ben costruito che sembra basarsi su un romanzo. Invece Sabine è un personaggio nato solo per il cinema che ci affascina proprio per la sua naturalezza e per la semplicità di donna del popolo minuto. Questa creatura, con il suo sguardo tra il perso e il consapevole, supera i paradigmi della società. E, con la sua battuta sempre pronta, Madame De Barra si lascia guidare non dalla razionalità bensì dall’impeto e dalla passione. Infatti, se non fosse per gli abiti tipicamente seicenteschi, questo lungometraggio potrebbe essere ambientato nel cuore dell’Ottocento, in pieno Romanticismo, quando la razionalità illuministica si lasciava confondere dal sentimento. Nella quotidianità di Sabine regna il caos, dal quale si genera la vita, perché dopotutto, a volte – citando Henry Adams – il troppo ordine conduce ciascuno di noi nella trappola dell’abitudine, che con i suoi schemi ci annichilisce facendoci oscillare, come dei pendoli, tra il desiderio e la noia. Le regole del caos è una via di mezzo tra una pellicola sentimentale e un film sull’emancipazione femminile. Proprio questa dicotomia conferisce poca linearità al lungometraggio che in alcune sequenze è un po’ artefatto.

Voto: (3,5 / 5)

Trailer de Le regole del caos 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI