L’ansia del primo giorno di Scuola: così aiutiamo il bambino

insegnante-alunniL’apprendimento dovrebbe essere un piacere, sia per i grandi, sia per  piccini. Il cervello umano, a qualsiasi età, è predisposto a imparare. Questo concetto dovrebbe essere interiorizzato e messo in pratica dai genitori e dagli insegnanti che solo, mediante l’esempio, possono trasmettere ai bambini e agli adolescenti il valore dello studio.

A soffermarsi sull’importanza dei metodi educativi, in un momento cruciale come il primo giorno di Scuola, è l’Ospedale Bambin Gesù di Roma, attraverso le parole di Simonetta Gentile, responsabile di Psicologia Clinica dell’Ospedale Pediatrico, che con una nota spiega a docenti e genitori come prevenire le ansie e le fobie causate dal trauma del primo giorno scolastico. La dottoressa Gentile afferma che gli adulti dovrebbero, innanzitutto, considerare  l’ingresso nella Scuola come uno stimolo di vitale importanza per il bambino, il quale rafforza così la propria individualità, diventando più autonomo. Il medico consiglia ai genitori di accompagnare il bambino in classe, mostrandosi compresivi, senza troppe parole, verso le sue preoccupazioni; magari, se il bimbo sta passando dalla Scuola dell’Infanzia alla Primaria, è buona norma, avverte l’esperto, spiegargli che si tratta di un momento importante per la sua crescita e che sta quindi diventando grande. Le prime settimane gli insegnanti, proprio perché i bambini stanno vivendo questo momento di transizione, dovrebbero evitare carichi di lavoro intensi, soprattutto a casa. E` fondamentale inoltre che il piccolo sia stimolato a trovare nuovi linguaggi comunicativi con i bambini di altre culture e con i diversamente abili presenti nella classe. Simonetta Gentile precisa inoltre che bisogna essere molto cauti e accorti anche verso gli adolescenti, che si apprestano a  frequentare la Scuola Secondaria, dove spesso si  verificano episodi di bullismo. I docenti e i genitori devono in questo caso prestare attenzione agli atteggiamenti sia degli ipotetici bulli, che non vanno isolati, sia delle vittime.

Tra i sintomi dell’ansia del primo giorno di Scuola, sostiene Simonetta Gentile, figurano insonnia, inappettenza, aggressività, momenti di iperattività e inquietudine.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI