FIAT INDUSTRIAL CONFERMATA SECTOR LEADER

Per il quarto anno consecutivo Fiat S.p.A. è stata confermata nei Dow Jones Sustainability Indexes (DJSI) World e Europe con un punteggio di 91/100 rispetto a una media di 74/100 delle aziende del settore Automobiles analizzate da SAM, società specializzata nella gestione sostenibile del patrimonio. Il DJSI World e il DJSI Europe sono i più prestigiosi indici borsistici ai quali accedono solo le società giudicate migliori per la gestione del proprio business secondo criteri di sostenibilità. Sono ammesse infatti solo quelle aziende leader sia dal punto di vista economico-finanziario sia da quello sociale e ambientale. Per l’anno 2012/2013, per il settore Automobiles nel DJSI World sono presenti, oltre a Fiat, BMW e Volkswagen, mentre nel Dow Jones Europe sono state ammesse solo Fiat e BMW.

«La cultura della responsabilità – commenta l’Amministratore Delegato di Fiat S.p.A. Sergio Marchionne è parte integrante del modello di gestione del Gruppo Fiat perché crediamo che il valore di una multinazionale si giudichi anche dalla sensibilità che dimostra verso l’ambiente, dal rispetto per le sue persone, dalla correttezza e trasparenza con cui intrattiene relazioni commerciali e dalla sua capacità di portare un contributo positivo alle comunità in cui opera».

In particolare, il Gruppo ha ottenuto il massimo punteggio in quasi tutte le aree di analisi della dimensione ambientale (strategia per la lotta ai cambiamenti climatici e per la riduzione delle emissioni, politica e sistema di gestione ambientale, gestione responsabile dei prodotti) e nella sezione sociale, per lo sviluppo e la gestione del capitale umano, la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro, il coinvolgimento degli stakeholder e la filantropia. Massimo riconoscimento anche per la gestione dei rischi, la gestione dei marchi, il processo di innovazione e la gestione della catena di fornitura. Questi risultati testimoniano come il processo di integrazione tra Fiat e Chrysler abbia permesso di ampliare e consolidare ulteriormente l’attenzione verso i temi della sostenibilità, facendo leva sui rispettivi punti di forza e condividendo le migliori pratiche.

Nel 2011 il Gruppo ha raggiunto risultati molto importanti. In campo ambientale Fiat ha mantenuto, per il quinto anno consecutivo, la leadership tra i principali marchi in Europa, grazie al più basso livello di emissioni di CO2 delle proprie auto. Fiat Powertrain e Chrysler Group hanno continuato a lavorare sulle tecnologie per migliorare consumi e prestazioni e ridurre l’impatto ambientale dei motori. Il motore bicilindrico TwinAir è stato nominato International Engine of the Year 2011 da una giuria internazionale composta da 76 giornalisti e, per il secondo anno consecutivo, il Pentastar V-6, motore ad alta efficienza, è stato nominato da Ward’s Automotive tra i 10 Best Engines.

Magneti Marelli ha continuato ad apportare un contributo rilevante nello sviluppo di sistemi e componenti automotive in grado di ottimizzare la domanda energetica dei veicoli e migliorare la gestione del traffico. Inoltre il Centro Ricerche Fiat, si è confermato polo di sviluppo di progetti strategici e di piattaforme di ricerca a livello internazionale orientati alla riduzione dei consumi e alla sicurezza del veicolo. Allo stesso modo, il Chelsea Proving Grounds, l’Arizona Proving Grounds e l’Automotive Research and Development Centre, sedi delle attività relative ai test di conformità e di sviluppo per i veicoli di Chrysler Group, hanno continuato nella ricerca di soluzioni innovative per una mobilità sempre più sostenibile. Significativi progressi sono stati ottenuti anche nella riduzione dell’impatto ambientale dei processi produttivi. Rispetto al 2010 gli stabilimenti di carrozzeria e stampaggio di Fiat Group Automobiles e di Chrysler Group hanno ridotto del 10% le emissioni di CO2 e del 18,5% i consumi idrici per veicolo prodotto. Nel 2011 la salute e la sicurezza dei lavoratori hanno continuato ad essere tra le priorità strategiche del Gruppo attraverso l’attuazione di una serie di iniziative, di progetti e di investimenti finalizzati alla prevenzione e alla salvaguardia delle persone e alla promozione del loro benessere. Il Gruppo Fiat ha inoltre confermato il proprio impegno per la promozione presso la catena di fornitura di pratiche responsabili da un punto di vista sociale e ambientale. Inoltre, l’impegno a favore delle comunità nelle quali è presente il Gruppo, si è concretizzato in iniziative e progetti per un valore di 36,5 milioni di euro a sostegno dello sviluppo economico, sociale e culturale delle collettività.

Fiat S.p.A. è anche presente in altri importanti indici: ASPI Eurozone, STOXX Global ESG Leaders, STOXX Global ESG Environmental Leaders, STOXX Global ESG Social Leaders, STOXX Global ESG Governance Leaders, ECPI Ethical Euro, ECPI Ethical EMU, FTSE ECPI Italia SRI Benchmark, FTSE ECPI Italia SRI Leaders, Ethibel Excellence Europe e Ethibel Excellence Euro. Questi risultati dimostrano che anche in un periodo di congiuntura economica internazionale sfavorevole, la sostenibilità rimane per il Gruppo Fiat una direttrice fondamentale, nel proprio percorso di miglioramento continuo.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI