FIAT AL GOVERNO: NON “LASCEREMO” L’ITALIA

Palazza Chigi

Appena concluso a Palazzo Chigi l’incontro tra il Governo e i vertici del gruppo Fiat sulla spinosa questione di Fabbrica Italia. Per il Governo erano presenti il Presidente del Consiglio, Mario Monti, i Ministri, Corrado Passera, Elsa Fornero, Fabrizio Barca e il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, Antonio Catricalà. Per il gruppo Fiat il presidente John Elkann e l’amministratore delegato Sergio Marchionne. Fiat ha illustrato, come si evince da un comunicato congiunto, le proprie stime sull’andamento del mercato automobilistico italiano e internazionale e le prospettive strategiche di sviluppo futuro del gruppo, concentrandosi in particolare su quelle che possono derivare dall’integrazione delle piattaforme di Chrysler e Fiat. Particolare riferimento è stato fatto ai 5 miliardi di investimento realizzato in Italia negli ultimi tre anni.

La casa automobilistica ha espresso apprezzamento per l’azione del Governo che «ha giovato alla credibilità dell’Italia e ha posto le premesse, attraverso le riforme strutturali, per il miglioramento della competitività, oltre che per un cambiamento di mentalità idoneo a favorire la crescita».  I vertici di Fiat hanno quindi manifestato l’impegno a salvaguardare la presenza industriale del gruppo in Italia, anche grazie alla sicurezza finanziaria che deriva soprattutto dalle attività extraeuropee.

In questa prospettiva, Fiat è intenzionata a riorientare il proprio modello di business in Italia in una logica che privilegi l’export, in particolare extra-europeo. Il gruppo inoltre ha manifestato piena disponibilità a valorizzare le competenze e le professionalità peculiari delle proprie strutture italiane, quali ad esempio l’attività di ricerca e innovazione, confermando la strategia dell’azienda a investire in Italia, nel momento idoneo, nello sviluppo di nuovi prodotti per approfittare pienamente della ripresa del mercato europeo.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI