EMERGENZA IDRICA. GUIDI: «L’ACQUA C’È MA NON È DISPONIBILE»

«I consorzi di bonifica sono indispensabili. L’opinione pubblica e gli operatori se ne rendono conto ancor più in questi giorni di grande caldo e siccità. Gli enti consortili gestiscono un bene fondamentale per l’agricoltura italiana e per tutto il Paese che è l’acqua». Lo ha detto il presidente di Confagricoltura Mario Guidi intervenendo a Roma all’Assemblea dell’Associazione Nazionale delle Bonifiche (Anbi).

Guidi ha quindi evidenziato i cambiamenti repentini in atto. «C’è – ha proseguito – l’impellente necessità di favorire la crescita del sistema-Paese per la quale è necessaria una maggiore attenzione al mondo delle imprese che è il motore dello sviluppo. Si impone un forte ammodernamento del Paese, una crescita, che deve essere economica e sostenibile, che coinvolge tutti i soggetti pubblici e privati, ed anche i consorzi di bonifica».

Il presidente di Confagricoltura ha quindi ricordato come si torni a parlare di emergenza idrica nelle campagne che necessitano di irrigazioni di soccorso. «La situazione paradossale – ha osservato – è che c’è una crisi irrigua pur in presenza di riserve idriche. I  laghi alpini e prealpini sono al massimo livello, poi  le nevi si sono sciolte in ritardo e quindi non vi è stata dispersione di acqua a maggio e giugno e sono state copiose le piogge nell’alto Piemonte e in parte della Lombardia. Insomma l’acqua nell’Italia settentrionale c’è ma è non è disponibile. Il problema è che i detentori dell’acqua non intendono cederla soprattutto per questioni turistiche legate al livello dei laghi. Auspico quindi un sollecito intervento dei ministri dell’Ambiente e dell’Agricoltura, al fine di individuare un soggetto con funzioni e poteri adeguati che possa intervenire con autorevolezza per la gestione delle riserve idriche, valutando le priorità».

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI