Di tutto un po'

EMERGENZA IDRICA. GUIDI: «L’ACQUA C’È MA NON È DISPONIBILE»

«I consorzi di bonifica sono indispensabili. L’opinione pubblica e gli operatori se ne rendono conto ancor più in questi giorni di grande caldo e siccità. Gli enti consortili gestiscono un bene fondamentale per l’agricoltura italiana e per tutto il Paese che è l’acqua». Lo ha detto il presidente di Confagricoltura Mario Guidi intervenendo a Roma all’Assemblea dell’Associazione Nazionale delle Bonifiche (Anbi).

Guidi ha quindi evidenziato i cambiamenti repentini in atto. «C’è – ha proseguito – l’impellente necessità di favorire la crescita del sistema-Paese per la quale è necessaria una maggiore attenzione al mondo delle imprese che è il motore dello sviluppo. Si impone un forte ammodernamento del Paese, una crescita, che deve essere economica e sostenibile, che coinvolge tutti i soggetti pubblici e privati, ed anche i consorzi di bonifica».

Il presidente di Confagricoltura ha quindi ricordato come si torni a parlare di emergenza idrica nelle campagne che necessitano di irrigazioni di soccorso. «La situazione paradossale – ha osservato – è che c’è una crisi irrigua pur in presenza di riserve idriche. I  laghi alpini e prealpini sono al massimo livello, poi  le nevi si sono sciolte in ritardo e quindi non vi è stata dispersione di acqua a maggio e giugno e sono state copiose le piogge nell’alto Piemonte e in parte della Lombardia. Insomma l’acqua nell’Italia settentrionale c’è ma è non è disponibile. Il problema è che i detentori dell’acqua non intendono cederla soprattutto per questioni turistiche legate al livello dei laghi. Auspico quindi un sollecito intervento dei ministri dell’Ambiente e dell’Agricoltura, al fine di individuare un soggetto con funzioni e poteri adeguati che possa intervenire con autorevolezza per la gestione delle riserve idriche, valutando le priorità».

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Commenta

shares