Elicriso, la pianta della primavera che ‘combatte’ allergie e non solo…

Se vivi in Italia sicuramente l’avrai visto splendere nelle giornate soleggiate di primavera ed estate (fiorisce tra inizio primavera e inizio autunno). Mi riferisco all’Elicriso, una pianta medicamentosa dalle proprietà quasi magiche. Come può un piccolo arbusto, che cresce nei luoghi aridi dell’Europa Meridionale, esercitare un certo fascino? Pensate che questa pianta ammaliava pure Napoleone che quando era in mare riusciva già da lontano a riconoscere l’odore della Corsica, proprio grazie al profumo dell’Elicriso, molto diffuso sull’isola. Il nome botanico è Helichrysum arenarium – Helichrysum italicum. Il termine deriva da helios (sole) e da Krysos (oro). Difatti, le inflorescenze rievocano i colori del sole e le proprietà magiche sono tutte insite già nel meraviglioso aspetto. Questa pianta, molto apprezzata in Fitoterapia ed Erboristeria, è alta dai 25 e i 50 centimetri ed ha un odore molto forte, percepibile anche da lontano, come ho affermato prima ricordando Napoleone. Le foglie, il cui colore è verde-grigiastro, sono coperte da una peluria bianca, sono piccole e rivolte verso il basso.

Elicriso

Appartenente alla famiglia delle Composite, l’Elicriso sboccia in primavera ed è quindi impiegato per le problematiche che possono comparire in questa stagione. E` come se la natura ci mettesse a disposizione ciò di cui abbiamo bisogno al momento opportuno. Le sue proprietà sono antinfiammatorie, antiossidanti, antimicotiche e antibatteriche. Questa pianta abbassa inoltre il colesterolo LDL (quello cattivo per intenderci), è espettorante, è balsamica e funge anche da filtro sulla pelle: è indicata infatti in caso di psoriasi, scottature, eczemi, geloni e udite, udite… allevia pure le rughe. Può essere usata per le vene varicose, le emicranie, le bronchiti ed è ottima per depurare il fegato.  Ma entriamo nei dettagli.

Vi ho detto che l’Elicriso è la pianta della primavera, perché è un ottimo antistaminico naturale ed agisce anche nelle allergie alimentari. Ha proprietà espettoranti ed antibatteriche, riduce le secrezioni, aiuta ad eliminare il muco e di conseguenza sfiamma le mucose. Si può impiegare anche per curare le congiuntiviti e ovviamente se ci sono allergie respiratorie. L’Elicriso è utile per i problemi dell’apparato respiratorio ma anche, se assunto sotto forma di sciroppo o estratto glicolico, se si soffre di problemi articolari e muscolari. Le parti usati in Fitoterapia ed Erboristeria sono le sommità fiorite.

Come usarlo? Ci sono delle controindicazioni? L’Elicriso è ben tollerato però si raccomanda di non utilizzarlo quando si hanno calcoli alle vie biliari e comunque di rivolgersi sempre ad un esperto per la posologia perché può essere acquistato in diverse formule (infuso o decotto, estratto analcolico concentrato, tintura madre…). L’Elicriso per esempio si trova anche sotto forma di olio essenziale che ha le stesse proprietà della pianta, con una variante importante. Può essere usato per via olfattiva sia in lampada per aromi e sia sulla pelle diluito in olio vettore ma può anche essere annusato su un tester per profumi. In questo modo riequilibra la psiche portando calore.

Qualche ricetta? Oleolito di Elicriso: raccogli 100 grammi di fiori di Elicriso (vanno raccolti la mattina o dopo il tramonto freschi), mettili in un barattolo di vetro ricoperto di olio di oliva. Lascia  il composto a macerare per 30 giorni avendo cura che i fiori siano sempre ricoperti d’olio. Trascorso questo periodo filtra il liquido ottenuto e lascialo decantare per 24 ore. Poi travasalo in bottiglie di vetro scuro. Questo olio si usa sulla pelle in diverse preparazioni ma ti consiglio di applicarlo soprattutto sulle scottature. Miracoloso 🙂

 NB: Ricorda sempre: ciascuno è diverso e non tutte le piante sono indicate per tutti. Naturale non sempre fa rima con sicuro. Sconsiglio di conseguenza il fai da te.

 

Maria Ianniciello, naturopata e giornalista pubblicista

Seguimi su YouTube ed iscriviti al mio canale per rimanere sempre aggiornato

Per altre info: www.mariaianniciello.it

 

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Direttore responsabile e coeditrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento