Bandiere nere e verdi

Val Gardena - ©Paolonapo
Val Gardena – ©Paolonapo

Legambiente fa un quadro clinico sullo stato di salute delle Alpi e delle catene montuose italiane. Un patrimonio che arricchisce la nostra terra, che ossigena la nostra aria. Da Nord a Sud il verde è onnipresente.

Verde come le sette bandiere che l’associazione ambientale ha attribuito a chi ha saputo gestire e valorizzare l’arco alpino. Undici invece quelle nere. I nemici della montagna che non hanno saputo prendersi cura del dono naturale. Una visione distorta per quanto riguarda la tutela del territorio e il privilegio turistico e danni recati all’ambiente da parte delle amministrazioni.

Queste le regioni che compensano da una parte di bandiere verdi ma dall’altra anche di quelle nere

  • Lombardia
  • Piemonte
  • Veneto
  • Trentino alto Adige
  • Valle D’aosta

Bandiere verdi per l’eco-sostenibilità e l’ecologia. Per l’igiene ambientale e l’ordine dell’assetto montuoso.

In pratica un nord Italia che fa i conti con le due sfaccettature dell’uomo.

Da una parte della medaglia ci sono i sostenitori del Local green. Dall’altra i pirati della montagna.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Occorre quindi maggiore salvaguardia del territorio, risorsa naturale per l’uomo. Un adattamento alla green economy.

Ambiente che va di pari passo con l’insediamento umano. L’uomo da sempre è soggetto ad esso e al clima. Proprio questi due fattori hanno fatto sì che si creassero fragili ecosistemi e condizioni agevoli per la vita. L’uomo deve adattarsi al territorio, ricordando che il nostro ruolo rientra nel ciclo naturale dell’ecosistema. Questo l’obiettivo dell’iniziativa denominata Carovana Delle Alpi 2013.

È triste pensare che nel 2013, all’alba dell’intelligenza artificiale e della medicina radioattiva, debba ancora esistere il preconcetto che affermi “..tanto la natura non è di mia proprietà e posso farci quel che voglio”.

La natura però è Madre. La sua forza non ha confini. Potrebbe, se volesse, schiacciarci come minuscole formichine. Poi la grandezza dell’uomo, che si accanisce contro gli alberi, contro i fiori, contro gli animali, risulterebbe minima di fronte a un terremoto o ad un vulcano che erutta o semplicemente impotente sotto una pioggia invadente.

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI